Fondi Europei, da Bruxelles l'appello del Sindaco di Salerno De Luca

E-mail Print PDF

Grande partecipazione al Convegno organizzato da Pino Arlacchi a Bruxelles

De Luca: «Regioni paludi burocratiche. Le città investono meglio le risorse europee»

Bruxelles, 28 nov. 2012 - Entro due anni Salerno, insieme a Milano, sarà la città più ricca di opere di grande architettura contemporanea. Molte quelle già in fase di realizzazione e che prevedono la valorizzazione di uno dei luoghi simbolo della città, il lungomare, dalla stazione marittima ai porti turistici, dal parco marino agli impianti per la balneazione.

I progetti sono stati illustrati a Bruxelles, nel corso di un convegno organizzato al Parlamento Europeo dall'eurodeputato Pino Arlacchi, nell'ambito delle iniziative dedicate al "Sud che funziona" e agli esempi di amministrazioni virtuose.

«Il nostro fronte di mare - ha spiegato il Sindaco Vincenzo De Luca - è l'asse centrale del programma di riqualificazione urbana della città, ma anche di sviluppo economico. Abbiamo  l'intenzione di potenziare e utilizzare l'economia del mare in tutte le sue componenti, porto commerciale e turistico, stazione marittima, turismo crocieristico, balneazione, cantieri nautici: tutto quello che potrà consentirci di creare lavoro. Per fare questo, candidiamo Salerno a ottenere finanziamenti europei. Con un investimento di 70 milioni di euro potremmo dare un futuro produttivo alla nostra città: l'impatto occupazionale, in fase di cantierizzazione, sarebbe di 5500 unità, 1000 invece gli occupati fissi. In termini di Prodotto interno lordo, questo progetto genera 200 milioni di euro, pari all' 1,1% del PIL di tutta la provincia».

«Salerno - ha proseguito il Sindaco De Luca - è la prima città della Campania per uso e spesa di fondi europei. Il nostro intento è avere un filo diretto con l'Europa, di non aspettare la Regione perché quando le risorse passano attraverso le regioni affondano nella palude burocratica. Le città riescono a investire molto più rapidamente i fondi comunitari. Anche se la normativa orienta le risorse prioritariamente sulle regioni, il 5% di questi stanziamenti è destinato direttamente ai comuni. Ci candidiamo quindi per questa parte, sperando di non aspettare la programmazione 2015-2020, ma di poterne usufruire sin dal 2013. Non abbiamo lamentele da fare, ma vogliamo solo combattere e costruire il nostro futuro con l'aiuto giusto dell'Unione europea sulla base della qualità dei nostri progetti e della capacità di amministrazione che abbiamo dimostrato».

«Il modello Salerno - ha concluso Pino Arlacchi - dimostra come creatività politica e trasparenza amministrativa possano cambiare la storia di una città e migliorare la qualità della vita dei cittadini. È un esempio utile a chiarire le idee a una gran parte del Mezzogiorno che ha le stesse potenzialità. Puntare sul turismo laddove esiste un patrimonio di beni culturali paesaggistici è uno degli ingredienti per rilanciare molte realtà del Sud. Esistono comuni che hanno ideato progetti straordinari, dimostrando nei fatti, con le proprie forze, ma anche con un efficace utilizzo dei finanziamenti pubblici, come sia possibile costruire un futuro europeo per il loro territorio».

All'incontro sono intervenuti, tra gli altri, gli eurodeputati Ana Gomes, Ivo Vagl, Victor Bostinaru, Spyros Danellis, e i funzionari della Commissione Europea.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 149 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info