Buon 2015: l'appello di Papa Francesco al ripudio della guerra

E-mail Print PDF

Roma, 1 gen. 2015

di Pino Arlacchi

IL 2015 INIZIA BENE CON L’ APPELLO DI PAPA FRANCESCO AL RIPUDIO DELLA GUERRA

Buon Anno, innanzitutto, a tutti gli amici, collaboratori ed estimatori che seguono il mio sito e la mia pagina Facebook. Molti di loro sono compagni di battaglia, che ringrazio dal profondo del mio cuore per la fiducia e la forza che mi danno.
Il 2015 è iniziato sotto il migliore degli auspici possibili. Ho appena finito di ascoltare il discorso del più grande leader del mondo attuale, l’ unico capace di interpretare davvero la coscienza universale: Papa Francesco.
E quale poteva essere il tema che Francesco avrebbe messo al centro del suo messaggio di inizio anno se non la pace, il ripudio della guerra e della violenza, sotto lo slogan eloquentissimo de “la pace è sempre possibile”?
Lo slogan è eloquente perché pieno di implicazioni. Se la pace è sempre possibile, dice Francesco, vuol dire che la guerra è sempre sbagliata. C’è sempre un’alternativa alla violenza totale, cieca e distruttiva della guerra. E’ una affermazione tremendamente impegnativa, che occorre essere pronti a motivare. Le critiche sul “pacifismo imbelle che ci ha portato ad inchinarci di fronte al male invece di contrastarlo con i metodi adeguati” sono dietro l’ angolo.

Quando ascoltate questo argomento, cari amici, è sufficiente che ricordiate che questo dibattito è stato già tenuto, precisamente nel 1945, ed è terminato con una netta conclusione, che rappresenta una delle pietre miliari del progresso etico dell’ umanità. In occasione della nascita dell’ ONU ci fu una grande discussione sulla guerra, e in particolare sulla cosiddetta “guerra giusta”. Un conflitto simile a quello che era di fatto appena terminato. Bene. I delegati riuniti a San Francisco decisero infine per l’ opzione più radicale. La guerra era in sé un male assoluto, che contraddiceva anche la più alta delle motivazioni. Andava proibita legalmente perché sbagliata moralmente e perchè sempre evitabile data la presenza di alternative. Fu così che fu inserita nella Carta delle Nazioni Unite la condanna definitiva della guerra, definita la “maledizione dell’ umanità”.
Cosa fare, allora, quando si deve combattere contro un potere di violenza assoluta, che non può essere rimosso con metodi non violenti? In questi casi, dice la Carta dell’ ONU e Francesco l’ ha più volte ribadito, si può e si deve usare la forza. Ma l’ uso della forza è alternativo allo scontro barbarico e totale, perché deve essere sempre proporzionato alla minaccia e deve rispettare quelle regole di umanità e di giustizia che assicurano la coerenza tra mezzi e fini.
Gli stati, per esempio, non possono combattere il terrorismo usandogli gli stessi metodi dei terroristi. Non possono torturare, uccidere innocenti ed applicare sentenze sommarie di morte. Il terrorismo di stato è la violazione dei propri principi, la perdita della superiorità morale sui terroristi e finisce col rafforzare il terrorismo stesso.
Ma avremo modo di tornare presto su questi temi. Per adesso, è importante ricordare che le forze della pace, di cui facciamo parte, sono una superpotenza ancora sommersa che dobbiamo, assieme a Francesco, far emergere ancora di più nel 2015.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 165 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info