Capitalismo fatale, o della libertà di ammazzarsi di più

E-mail Print PDF

Il Fatto Quotidiano, 11 Agosto 2019

Sistema dannoso - Il modello neoliberale nel quale siamo vissuti dagli anni ‘70 in poi fa acqua da tutte le parti ed è diventata la principale minaccia al benessere fisico e mentale di qualsiasi popolazione

Sono in auge vari indicatori per misurare la felicità (o l’infelicità) umana, ma il più attendibile resta il tasso dei suicidi. Che non è un sondaggio sulla fatica o la gioia di vivere bensì un dato hard, che richiede la presenza di un corpo senza vita. Ebbene, le ultime ricerche mostrano che i suicidi diminuiscono a livello globale con l’importante eccezione degli Stati Uniti, dove continuano a crescere. Perché? Perché nonostante il catastrofismo dilagante promosso dall’industria occidentale della paura, progresso e sicurezza umani continuano ad avanzare, soprattutto fuori dall’Europa e fuori dagli Usa. E perché il modello del capitalismo neoliberale nel quale siamo vissuti dagli anni ‘70 in poi fa acqua da tutte le parti ed è diventata la principale minaccia al benessere fisico e mentale di qualsiasi popolazione. Secondo uno studio recente (https//doi.org/10.1136/bmy.194), la flessione delle morti globali per suicidio negli anni 1990-2016 è del 32,7%, ed è dovuta in massima parte al dimezzamento dei suicidi femminili (-49% contro -23% maschili). Più in particolare, sono le donne di quasi tutti i paesi dell’Asia orientale e sudorientale, Cina e India in testa, a registrare la crescita più ingente della salute mentale, della voglia di vivere. In Cina, la diminuzione del 64% dei suicidi totali è dovuta in larga parte al crollo dei suicidi delle donne sotto i venti anni di età. Dagli anni ‘90 in poi questo tasso si è ridotto del 90%: 500mila vite dell’età della speranza risparmiate, il 25% del totale mondiale dello stesso periodo. Stesso trend in India e altri paesi della regione, sia pure con cifre minori. Paesi che traboccano di nuove generazioni piene di fiducia nel futuro. Chi si riempie la bocca con la retorica delle immacolate liberaldemocrazie contrapposte al dispotismo cinese o alla corruzione indiana dovrebbe riflettere sulle conseguenze di questi dati, che dimostrano come anche in sistemi alternativi al capitalismo neoliberale possano crescere integrazione sociale e stabilità politica. E dovrebbe riflettere anche su un altro motore della diminuzione globale dei suicidi: il caso dei suicidi di persone di mezza età nella Russia postcomunista, decresciuti grandemente dal 2000 ad oggi. Dalla data, cioè, in cui l’avvento della tanto esecrata “era Putin” ha posto fine alla spaventosa impennata suicida degli anni ‘90. Gli anni di Yeltsin e del suo capitalismo liberalmafioso benedetto dall’Europa e guidato dai consiglieri americani. Privatizzazioni e liberalizzazioni a tutto spiano, che hanno fatto più danni al popolo russo della seconda guerra mondiale: iperinflazione, crollo del Pil, povertà, disoccupazione ,alcolismo, droga e suicidi che hanno richiesto altri dieci anni, con Putin, per essere alleviate e superate. Ma torniamo alle giovani donne dell’Asia orientale e sudorientale che non si suicidano più. Le ragioni sono abbastanza note. Urbanizzazione ed autonomia economica che hanno fatto crollare i matrimoni combinati, le schiavitù familiari e di clan, le maternità imposte. In una parola, l’emancipazione. Favorita dallo sviluppo economico e da politiche di protezione sociale intraprese da governi di colori disparati, dai nazionalisti indiani, malesi e indonesiani ai comunisti cinesi e vietnamiti. Il trend sui suicidi è coerente con una valanga di altri dati sulla riduzione della povertà, l’aumento del tenore di vita, dell’occupazione, dell’istruzione e dei servizi sanitari in una parte del mondo che supera ormai l’Occidente per Pil e popolazione. Se invece di guardarla dall’alto in basso per non avere creato in due generazioni quelle istituzioni politiche che l’Occidente ha impiegato quasi 300 anni a costruire, provassimo a comprendere i motivi del successo asiatico nel migliorare le basi fisiche e mentali della società, riusciremmo forse a capire meglio le ragioni del deterioramento di queste stesse basi presso di noi, e in particolare nel paese che fino a poco tempo fa ha guidato il mondo occidentale. I suicidi sono quasi raddoppiati negli Stati Uniti degli ultimi due decenni perché in quel paese si è materializzato il detto di Polanyi che il mercato autoregolato, lasciato a se stesso, finisce col distruggere “la sostanza umana e naturale della società”. L’aumento dei suicidi si accompagna negli Usa a una crescita senza precedenti della disperazione sociale e delle malattie indotte da droga, alcol e guerre. Sì, guerre. Le sconsiderate avventure mediorientali post-11 settembre hanno depositato una torma di reduci infermi fisici e mentali che ammonta all’8% della popolazione totale, e che genera alcolismo, consumo di droghe, suicidi e violenze quotidiani. E dei quali nessuno ama parlarne o occuparsene. Accanto ai veterani disperati c’è una vasta classe di lavoratori bianchi impoveriti dal declino dell’industria e dallo strapotere della finanza che alimenta anch’essa, con il consumo di droghe pesanti e la vulnerabilità alle malattie, il degrado generale della salute. E che vota per Trump, visto come protettore invece che carnefice. Ma l’attacco più micidiale sferrato dal mercato alla sostanza materiale della società americana è costituito dalla liberalizzazione mascherata del consumo di droghe pesanti effettuata dalle industrie farmaceutiche fin dall’inizio di questo secolo. Esse hanno cominciato a produrre e distribuire medicinali antidolorifici a base di oppiacei molto più potenti e pericolosi dell’eroina. La complicità dei medici americani ha consentito di espandere la platea dei consumatori legali fino a 8 milioni di individui. L’ecatombe dei morti per overdose ha oggi superato le 65mila unità annuali, contro le 44mila vittime della guerra del Vietnam. Non è un caso che molti lettori abbiano sentito parlare di questo tema qui per la prima volta.

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/08/11/capitalismo-fatale-o-della-liberta-dammazzarsi-di-piu/5382158/

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 248 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info