Terrorismo, scontro tra 007

E-mail Print PDF

Terra, 5 ott.2010

di Vincenzo Mulè
SCENARI. Il giorno dopo l’allarme lanciato dagli Usa, l’intelligence europea non nasconde la propria irritazione. Per la Gran Bretagna, il dossier «non ha nulla di nuovo». Francia, Germania e Italia minimizzano.

ll giorno dopo è quello della riflessione. Deve essere così anche per i reparti di intelligence europei. Che a ventiquattro ore dall’allarme lanciato dai colleghi statunitensi su possibili attentati in Europa, non nascondono il loro disappunto. Il piano di Al Qaeda per attaccare l’Europa «in stile Mumbai» non contiene «nuove informazioni». Lo conferma il quotidiano inglese Guardian, che cita diversi funzionari di intelligence, sicurezza e anti-terrorismo, coperti però dall’anonimato. I quali, inoltre affermano che il piano che sarebbe stato ordito personalmente da Osama bin Laden è «mal definito».

Le informazioni sul complotto terroristico, scrive ancora il giornale, sarebbero state apprese da Ahmad Siddiqui, il tedesco detenuto nella base di Bagram, in Afghanistan, e da un «informatore algerino». I funzionari del controspionaggio britannico minimizzano inoltre il legame tra il complotto e l’incremento negli attacchi dei droni Usa in Pakistan. Anche dalla Francia, secondo gli Usa uno dei Paesi più a rischio assieme a Gran Bretagna, Germania e Danimarca, si tende a minimizzare l’allarme. Secondo uno 007 di Parigi, infatti, «la minaccia è alta da inizio settembre, ma i servizi non dispongono di nuove informazioni dopo quella data». Stesso comportamento da parte della Germania, che ha innalzato il livello di allarme contro il terrorismo in seguito alle notizie di fonte americana di possibili attentati a Berlino.

Un portavoce del ministero degli Interni ha detto che al momento non vi è ragione per alzare il livello di allarme, aggiungendo che ogni minaccia viene presa «molto sul serio» e «seguita con la necessaria intensità». Per quanto riguarda l’Italia, il governo sostiene che l’allerta resta elevata anche nel nostro Paese, per il quale non ci sono «obiettivi specifici» né «allarmi speciali», come hanno specificato in due distite occasioni sia il ministro degli Interni Roberto Maroni sia il suo collega agli Esteri Franco Frattini.

Funzionari Usa hanno spiegato che la decisione di diffondere l’allarme si basa sulla somma di alcune informazioni, piuttosto che su una nuova rivelazione specifica. Ancora dagli Usa, intanto, la Cnn rilancia nuove rivelazioni da fonti intelligence che confermerebbero il ruolo della «cellula di Amburgo» nel piano per lanciare attacchi in Europa, in particolare di Naamen Meziche, un amico di Mohammed Atta, principale organizzatore ed esecutore degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001. Sul complotto sono pochi i dettagli noti. Ma sembrerebbe quel tipo di piano che per le autorità occidentali rappresenta il pericolo più significativo: l’uso di cosiddetti militari “self- radicalised”, che hanno passaporto occidentale e possono viaggiare all’estero con estrema facilità.

Per Pino Arlacchi, europarlamentare ALDE, ex-Direttore Generale dell’Ufficio Onu di Vienna con compiti di contrasto del terrorismo internazionale, «dall’ 11 settembre in poi si è aperta una spaccatura tra la strategia Usa e quella europea di lotta al terrorismo. La divergenza è rimasta sotto traccia finora, ma è iniziata a emergere in questi giorni con gli allarmi sugli imminenti attentati in Europa lanciati dagli USA e non condivisi dalle maggiori agenzie europee dell’intelligence, a cominciare dai servizi inglesi.

I servizi segreti tedeschi, inglesi e italiani – continua Arlacchi - non hanno confermato gli scenari apocalittici prefigurati dalle controparti americane. Poiché alcuni servizi europei hanno in mano le stesse informazioni degli americani – conclude l’europarlamentare - è evidente che sono questi ultimi ad avere “gonfiato”, ancora una volta, il pallone della paura collettiva, presagendo attentati stile Mumbai 2008 in Europa». Arlacchi presenterà assieme ad altri colleghi una interrogazione scritta alla Commissione Europea sul tema degli allarmi antiterrorismo esagerati, inutili o falsi.


 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 220 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info