Home » In the Press » Articles »

E le invasioni bibliche del Nordafrica? La Ue smentisce la Lega

E-mail Print PDF

l'Unità,14 lug.2011

di Pino Arlacchi

Le interrogazioni scritte sono uno degli aspetti più frustranti della routine del parlamentare europeo. E ciò a causa della qualità bassa delle risposte che si ottengono dalla Commissione europea. Ma ci sono eccezioni, e chi scrive si è trovato sulla scrivania un documento pieno di dati sostanziosi sui flussi migratori degli ultimi mesi verso la Ue.  Avevo chiesto alla Commissione se le cifre a sua disposizione giustificassero l´allarme leghista su un imminente esodo di massa dal Nordafrica come conseguenza della Primavera democratica in corso, e quale fosse la sua stima della quantità di migranti necessari alla Ue per mantenere gli standard economici attuali.
La risposta che ho ricevuto è stata netta. «Come conseguenza della transizione democratica iniziata in Tunisia nei primi giorni del 2011, in pochi mesi circa 23mila migranti tunisini hanno lasciato il loro Paese e sono entrati in modo irregolare nella Ue».

Come si vede, è una cifra minima, una goccia nel mare dei 500 milioni di europei e dei 60 milioni di italiani, lontanissima dalle balle sparate dai leghisti. Ma se l´invasione fosse un fenomeno in progress, preannunciato da cifre crescenti di
immigrati clandestini negli ultimi mesi, arrivati anche da altri paesi Nordafricani? La valutazione della Commissione su questo punto è ancora più univoca. «A partire da aprile, il numero dei migranti irregolari partiti dalla Tunisia si è ridotto. Benché anche in Egitto si sia verificata una transizione democratica, il numero dei migranti giunti irregolarmente nel territorio dell´Ue da quel Paese resta limitato». E l´esplosione delle fughe dalla Libia, venuta meno la diga Gheddafi? «Dal febbraio 2011, circa 800mila persone sono sfuggite alla repressione e al conflitto in Libia. Di questi, tuttavia, solo un numero limitato (circa 15mila) sono riusciti a raggiungere la Ue attraversando il Mediterraneo, mentre tutti gli altri hanno trovato ospitalità nei paesi africani vicini e, laddove possibile, sono stati successivamente rimpatriati nei rispettivi Paesi di origine». Nonci si dovrebbe vergognare a parlare di emergenza di fronte a cifre cosi «risibili»? E non ci dovrebbe essere una reazione ancora più forte dell´opinione pubblica
e della politica seria di fronte alla cinica speculazione che la destra italiana e francese sta compiendo sulla pelle di 38mila migranti dal Nordafrica, lo 0,008% del carico demografico del nostro continente?
La mia seconda domanda riguardava il pool annuale di emigrati necessari per far funzionare l´economia europea in modo da garantire il mantenimento degli attuali livelli di benessere. La risposta documentata della Commissione è che il rischio maggiore per noi non è l´eccesso di popolazione rispetto al nostro territorio e alle nostre risorse, ma il suo esatto opposto. Per mantenere costante agli attuali livelli la quota di popolazione in età lavorativa rispetto alla popolazione totale, l´Europa - afferma la Commissione - dovrebbe essere in grado di accogliere più di 25 milioni di unità nel periodo 2008-2020, oltre 2 milioni all´anno. È sulla base di questi dati che vanno combattute le ansie diffuse dai costruttori di paura, e vanno elaborate politiche di accoglienza e di integrazione all´altezza della civilità europea.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 305 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info