Arlacchi: «Questa guerra non la vinceremo mai. Si arrivi al cessate il fuoco»

E-mail Print PDF

Il Messaggero, 11 ott. 2010

L'intervista

di Roberto Romagnoli

Bruxelles – Parlamento dell’Unione europea, nono piano. Visto da qui, dalla stanza di Pino Arlacchi, deputato europeo inserito nella Commissione Esteri, l’Afghanistan sembra una cavia nelle mani di chi avrebbe voluto liberarlo e invece è finito con l’usarlo come un esperimento di laboratorio. E questo atto di accusa è contenuto nel “Progetto di relazione su una nuova strategia per l’Afghanistan” che lo stesso Arlacchi ha presentato all’Assemblea parlamentare. A giorni il progetto sarà in discussione ed emendato; a novembre sarà posto ai voti.

C’è bisogno di un cambio di strategia per vincere la guerra?

«No, questa guerra non sarà mai vinta. Ora la priorità è arrivare a un cessate il fuoco».

E cosa bisogna cambiare?

«Innanzitutto porre fine allo scandalo dei contractors, bande di criminali che con il loro modo di .agire hanno fatto risorgere i talebani. I contractors sono 112.000, la maggior parte Usa e britannici, a fronte di 79.000 uomini in divisa. Rappresentano la privatizzazione della guerra. I loro “servizi di sicurezza” costano 14 miliardi di dollari l’anno. Sono uno scandalo».

Anche la situazione afgana, a fronte dell’enorme sforzo finanziario fin qui compiuto dalla comunità internazionale, è uno scandalo.

«E’ vero. Dal 2002 sono aumentate mortalità infantile, ignoranza e povertà. Si stima che in Afghanistan il costo per realizzare una scuola si aggiri sui 100.000 euro, dieci volte tanto per realizzare un ospedale. Ci si chiede: dove sono finite le decine di miliardi di dollari di aiuti? Il 70-80% non ha mai raggiunto il popolo afgano andando smarrite tra sprechi, costi eccessivi di intermediazione e sicurezza, fatturazione eccessiva, corruzione. L’insurrezione afgana si nutre soprattutto attraverso la catena delle forniture militari; con la guerra finanziamo i nostri nemici».

Il buonismo degli italiani è servito a qualcosa?

«Il modo di agire dei soldati italiani avrebbe dovuto servire da esempio per tutti gli altri. Purtroppo non siamo riusciti a farlo diventare una linea guida».

Qual è il peso della UE nelle decisioni sull’Afghanistan?

«Ha sempre seguito il pensiero Usa, non c’è mai stata una politica a Bruxelles e con la nomina della Ashton (ministro degli Esteri della UE) le cose sono peggiorate. Non conosce i problemi internazionali e non ha leadership».
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 339 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info