L’Europa indaga sugli aiuti a Kabul

E-mail Print PDF

Nel mirino gli interventi Usa e Onu
CorrierEconomia, "Offshore", 15 mar. 2010
di Ivo Caizzi

La corruzione dilagante tra le autorità dell’Afghanistan, che da sempre impedisce un uso efficace degli aiuti internazionali, è considerata un ostacolo fondamentale nel tentativo di stabilizzazione del Paese.
Ma un’indagine dell’Europarlamento ora denuncia a sorpresa che le illegalità e gli sprechi coinvolgerebbero anche agenzie e società straniere, principalmente statunitensi o riferibili all’Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu).

Decine di miliardi di dollari, inviati per togliere dall’indigenza ampi strati delle popolazioni afghane (e per ridurre la loro sudditanza dai talebani, dai signori della guerra e dai trafficanti di oppio), tornerebbero negli Stati occidentali di provenienza attraverso le tasche degli stranieri delegati a gestirle. In pratica si sarebbe verificata una vasta degenerazione corruttiva nel pur già discutibile sistema degli aiuti e della cooperazione, che vede i fondi per i Paesi in via di sviluppo comunque orientati a beneficiare prioritariamente le imprese e le organizzazioni incaricate dal governo donatore a utilizzarli.

L’eurodeputato Pino Arlacchi dell’Idv, dopo una missione in Afghanistan con incontri con il presidente Hamid Karzai e con comandanti delle forze militari Usa, ha dichiarato nell’Europarlamento di Strasburgo di voler inviare il rapporto in elaborazione alle magistrature competenti per denunciare casi di corruzione, illegalità e sprechi riguardanti appaltatori stranieri e agenzie internazionali.

Arlacchi stima che addirittura il 70-80% di circa 34 miliardi di dollari, affidati negli ultimi otto anni dai Paesi donatori alle organizzazioni non afghane, non sarebbero andati alle popolazioni locali. Questo sarebbe avvenuto tramite appalti gonfiati, fatturazioni di spese inesistenti, consulenze d’oro incomprensibili e altri trucchi simili. L’ambasciatore britannico Mark Sedwill, rappresentante civile per conto della Nato a Kabul, ha confermato all’agenzia Reuters l’esistenza di studi che dimostrerebbero altissime percentuali degli aiuti internazionali mai arrivati alle popolazioni locali bisognose. Lo stesso Karzai, impegnandosi a potenziare le leggi anti-corruzione, ha sollecitato i governi donatori ad introdurre efficaci controlli sulle imprese da loro delegate ad operare sul posto.

Una volta tanto la componente italiana non appare al centro dei problemi corruttivi. Arlacchi utilizza proprio esempi virtuosi dell’intervento italiano per evidenziare le maggiorazioni di costi applicate da organismi di altri Paesi o internazionali. «Le scuole costruite in Afghanistan da agenzie dell’Onu e degli Stati Uniti costano tra tre e dieci volte di più rispetto a quelle realizzate dal contingente italiano delle forze militari Nato e da organismi italiani», ha affermato l’eurodeputato puntando poi l’indice su consulenze da 300 mila dollari l’anno elargite nell’ambito degli appaltatori privati.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 147 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info