Fondi Europei, Arlacchi: "Bene tavolo di coordinamento per filo diretto tra enti locali e Ue”

E-mail Print PDF

Agropoli, 12 lug. 2011

Creare un tavolo di coordinamento con consultazioni periodiche per avviare un filo diretto tra enti locali e Unione europea e superare l'impasse burocratico che, tra ritardi e inefficienze, ostacola l'erogazione e quindi l'utilizzo dei Fondi europei a disposizione del territorio. E' la proposta emersa nel corso del convegno “Fondi europei: che fine hanno fatto?”, organizzato ad Agropoli dal Gruppo S&D del Parlamento europeo e al quale hanno partecipato sindaci e amministratori locali della provincia di Salerno.
Il dibattito è stato presieduto dall'eurodeputato Pd per l'Italia del Sud Pino Arlacchi che, nelle ultime settimane, ha chiesto più volte alla Commissione europea di indagare sulle inadempienze dell'amministrazione regionale della Campania nella distribuzione delle risorse comunitarie.

“Il livello di insipienza con cui sinora sono stati gestiti i Fondi europei è inaccettabile e si traduce nel disprezzo dei diritti dei cittadini” ha sottolineato Arlacchi, che ha criticato in particolare la gestione arbitraria della Regione Campania, “tuttora priva di un assessorato alla programmazione”.
“In provincia di Salerno – ha aggiunto Arlacchi – ci sono esperienze importanti e progetti di valorizzazione del territorio, frutto del lavoro e dell'impegno di tanti amministratori locali. E' per questo che occorre combattere la mentalità di sfiducia e mettersi insieme per rompere il centralismo regionale”.

In apertura dei lavori, il Sindaco di Agropoli Francesco Alfieri ha sottolineato l'importanza di un percorso condiviso tra amministratori locali e istituzioni nazionali ed europee per superare l'allarmante immobilismo che rischia di creare un ulteriore arretramento di territori già fortemente penalizzati sul piano socio-economico. “Abbiamo gli strumenti – ha detto Alfieri – anche per ricorrere contro l'inerzia della Regione”.

Tra i relatori, il Sindaco di Eboli Martino Melchionda, il dirigente dell'Ufficio risorse comunitarie del Comune di Salerno Raffaele Lupacchini, il Presidente della Lega delle Cooperative della Puglia Carmelo Rollo, il segretario provinciale Pd Nicola Landolfi.

Il Sindaco di Eboli, Martino Melchionda, ha denunciato la mancanza di una strategia nazionale in favore degli enti locali. “La prossima manovra economica – ha ricordato Melchionda – toglierà agli enti locali quasi dieci miliardi di euro. Questo complica ulteriormente una situazione già difficile. Ci sono progetti già avviati per i quali servirebbero risorse relativamente esigue già assegnate ma non ancora erogate, e questo crea un corto circuito e un sostanziale blocco delle possibilità di sviluppo”.

“La crisi generale ci impone cambiamenti che diano voglia di vivere il territorio in modo virtuoso e di attingere alle proprie risorse in maniera nuova e propositiva”. Lo ha detto Carmelo Rollo, Presidente della Lega delle Cooperative della Puglia, che ha ricordato a questo proposito il progetto avviato dal Comune di Melpignano che prevede nei prossimi giorni la costituzione di una “cooperativa di comunità”, con l'obiettivo di realizzare 350 impianti fotovoltaici sui tetti delle abitazioni dei cittadini che aderiranno all'iniziativa.

“Ben vengano gli strumenti di finanza creativa che facilitano l'incontro tra le richieste del territorio e le risorse a disposizione”, ha commentato Raffaele Lupacchini, dirigente dell'Ufficio risorse comunitarie del Comune di Salerno.

“In settori nevralgici per la popolazione come sanità, trasporti, servizi sociali, le province pagano debiti accumulati per anni dalle Regioni” ha detto Nicola Landolfi, segretario provinciale del Pd. “La prima grande modifica nelle modalità di attribuzione delle risorse comunitarie – ha aggiunto – dovrebbe mirare a favorire non soltanto le grandi realtà urbane, ma anche le cosiddette 'aree diffuse' costituite prevalentemente da piccoli comuni”. Il Pd salernitano, ha concluso Landolfi, promuoverà nei prossimi mesi un costante confronto tra gli amministratori locali per rendere più proficuo il dialogo con l'Ue e favorire l'accesso alle risorse comunitarie a disposizione del territorio.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 164 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info