"Gli Uomini del disonore" in riduzione teatrale al Teatro Bellini di Palermo

E-mail Print PDF

9 gennaio 2010

La Repubblica
di Laura Nobile

"Mi chiamo Antonino Calderone" confessione di un mafioso pentito - Al Bellini
L'attore porta in scena il monologo scritto da Dacia Maraini e tratto dal libro di Arlacchi

Una confessione-fiume, che ha già in sé una cadenza teatrale. La storia di un'affiliazione mafiosa dettata da una storia familiare che non lascia scampo, ma vissuta quasi dall´esterno, con un senso di inevitabile necessità. "Mi chiamo Antonino Calderone" di Dacia Maraini è la nuova produzione del Teatro Biondo che alle 21 debutta in prima nazionale al Bellini, diretto e interpretato da Pino Caruso.

Tratto da "Gli uomini del disonore" di Pino Arlacchi, lo spettacolo è la trasposizione in forma teatrale della confessione raccolta dal sociologo. La storia è quella del pentito Antonino Calderone, un mafioso che all´inizio degli anni Settanta entra a far parte della famiglia catanese, con il fratello Pippo, e di cui il monologo segue la trasformazione e il travaglio che sta dietro a scelte sofferte.

«Del libro di Arlacchi, che ha già una cadenza teatrale, ho tratto la storia di quest´uomo dalla vita avventurosa e difficile, sempre inseguito dalla vendetta - racconta Dacia Maraini - un uomo non portato per carattere ai delitti, ma trascinato dalla storia familiare e dall´intimità col fratello Pippo, che era il vero mafioso di rango, a entrare nel clan». Per l´autrice, l´interesse della storia di Calderone sta proprio nel suo racconto a margine: «Calderone sembra non essere mai al centro dell´universo mafioso - continua la scrittrice, che ha appena pubblicato "La ragazza di via Maqueda" - resta lateralmente e con uno sguardo quasi distaccato. Vede molte cose, ha paura di essere ucciso e cerca in tutti i modi di evitare di uccidere».

Dal punto di vista scenico, Caruso ha scelto di interpretare l´uomo nella sua stanza, mentre davanti a un registratore consegna ad Arlacchi la sua confessione e i suoi rimorsi. «Al centro del monologo - racconta l´attore - c´è proprio l´aspetto umano di una persona che non sembrava tagliata per fare il mafioso, ma per il quale gli esempi "positivi" erano quelli violenti che venivano dalla famiglia. Dal monologo emerge l´ignominia della mafia e un appello sincero ai mafiosi ad abbandonare una vita infame». All´uccisione di tre bambini Calderone riesce a sottrarsi solo non partecipando direttamente, ma dall´allora qualcosa in lui comincia a cambiare e dopo l´omicidio del fratello fuggirà all´estero. Arrestato e detenuto in Francia, è stato ascoltato da Falcone nell´87 e ora vive all´estero sotto protezione. Repliche fino al 31, biglietti da 20 a 40 euro.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 452 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info