Arlacchi promuove gli Stati Generali del Porto

E-mail Print PDF

NuovaCosenza.com, 14 sett. 2012

"Questo non é un convegno sul porto ma un incontro che mette insieme tutti gli attori protagonisti, istituzionali e privati, che lavorano sul porto. E' un incontro democratico per dar conto delle problematiche del porto e per cercare di trovare soluzioni per il suo futuro". Lo ha detto l'europarlamentare del Pd Pino Arlacchi aprendo i lavori degli stati generali del porto di Gioia Tauro promossa da lui in collaborazione con le amministrazioni comunali di Gioia Tauro e San Ferdinando. La prima sessione dei lavori è stata incentrata sul tema "Il porto di Gioia Tauro nel contesto globale, nazionale e regionale". Arlacchi ha stigmatizzato alcuni titoli che ha definito "masochisti" sul porto utilizzati dai media, "il porto della mafia" o "della cocaina", sottolineando che "lo scalo calabrese non è un porto perduto nelle mani della 'ndrangheta, ma che qui esistono condizioni di security che danno garanzia di legalita'". L'europarlamentare ha anche denunciato l'assenza del governo nazionale che "si è dimostrato insensibile verso un suo stesso importante investimento. I nostri tentativi di coinvolgere il governo non sono andati a buon fine e ciò dimostra che c'é una insensibilità verso il Mezzogiorno e la Calabria. Se Gioia Tauro non entra nella contrattazione tra l'Italia e gli altri Paesi non si va da nessuna parte. La vera sfida dello sviluppo è lo sviluppo del retroporto e la sua crescita non è in concorrenza con gli altri scali del sud Italia".

Il presidente dell'autorità portuale, Giovanni Grimaldi, ha ricordato gli aumenti dei volumi che ha registrato lo scalo gioiese negli ultimi sei mesi che "fanno ben sperare per il futuro". Grimaldi poi si è soffermato sulla legge di riforma dei porti, sull'autonomia finanziaria e sulle procedure di snellimento dei piani regolatori portuali. Il direttore della pianificazione strategica di Rfi, Alessandro Andrei, ha illustrato gli obiettivi strategici della società volti ad efficientare le interconnessioni con i porti e gli interporti: "Gioia Tauro oltre al collegamento tirrenico verrà collegato con la tratta adriatica e quindi con i corridoi strategici del trasporto merci e su questa tratta Rfi è impegnata ad infrastrutturare anche con fondi che vengono dall'Apq Regione, Governo e Comunità europea, quei tratti che necessitano di interventi migliorativi. Gioia Tauro - ha proseguito - ha comunque un piazzale di carico-scarico che sarebbe già sufficiente per movimentare fino a 500 mila teus all'anno sui treni. Oggi la situazione del traffico ferroviario é quasi nullo visto che si riesce a fare appena un treno alla settimana". Il direttore planning di Contship Italia Nereo Marcucci ha descritto lo scenario nel lungo e medio periodo del settore del transhipment italiano e del Mediterraneo. Marcucci ha invitato il Governo ad "avere la capacità di provvedere e prevenire per evitare casi di crisi gravissime come quello dell'Alcoa, della Tirrena, del trasporto pubblico locale. Se non si riesce a dare un futuro a Gioia Tauro si fallirà tutti. Il vero problema però è che la politica deve guardare con maggiore attenzione a questo settore per evitare ulteriori momenti di crisi. Bisogna che si percepisca Gioia Tauro come una risorsa del Paese, come un simbolo sistemico del bacino del Mediterraneo". Gli amministratori delegati di Medcenter e di Ico-Blg, Domenico Bagalà e Francesco De Bonis, hanno descritto lo stato attuale delle due aziende nel contesto più generale del sistema dei trasporti marittimi. Nel pomeriggio la seconda sessione di questa prima giornata che avrà come tema: "Il porto di Gioia Tauro come leva dello sviluppo regionale".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 245 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info