Medio Oriente senza armi di distruzione di massa

E-mail Stampa PDF

5 dicembre 2012

Nei prossimi mesi si svolgerà in Finlandia un'importante Conferenza delle NU sulla creazione di una zona priva di armi di distruzione di massa (ADM). La Conferenza è promossa da molti Stati, tra cui gli Stati Uniti, la Russia e il Regno Unito.

La creazione di un Medio Oriente privo di armi di distruzione di massa potrebbe offrire interessanti vantaggi strategici per la regione e per tutto il mondo in generale. Risolverebbe la crisi nucleare iraniana, eliminando in tal modo lo stimolo ad un impulso di proliferazione che potrebbe indurre tre o quattro paesi del Medio Oriente ad entrare nel club nucleare. Rafforzerebbe il trattato di non proliferazione nucleare ed altri regimi di non proliferazione riducendo il numero degli Stati in possesso di ADM. Infine eliminerebbe le armi più pericolose dalla regione più instabile al mondo e ridurrebbe il rischio che queste armi possano essere utilizzate in guerra o per caso.

La partecipazione di tutte le parti interessate è fondamentale per la riuscita della Conferenza. Il facilitatore e gli sponsors non sono riusciti ad avere la partecipazione di tutti i paesi della regione, essendosi Israele rifiutato di partecipare.

Israele tuttavia ha molto da guadagnare da una zona in cui si sia verificato che non vi sono ADM. Una regione senza ADM è preferibile ad una in cui vi siano Stati dotati di armi nucleari, soprattutto se Israele mantiene il suo vantaggio determinante in termini di armamenti convenzionali.

Quali misure concrete il SEAE e l'Alto Rappresentante intendono adottare per garantire che l'UE svolga un ruolo attivo nel sostenere l'avvio di negoziati su un Medio Oriente senza ADM?

Quali iniziative concrete sono attualmente adottate dall'UE per esortare Israele, Iran, Egitto e gli altri paesi del Medio Oriente a partecipare alla Conferenza e ad esercitare pressioni sui principali protagonisti al fine di evitare ogni ulteriore ritardo nell'organizzazione di questa Conferenza?

E-011088-12

Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D) , Tarja Cronberg (Verts/ALE) , Ivo Vajgl (ALDE)

Risposta

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 310 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info