Magna Graecia in trasferta

E-mail Stampa PDF

Calabria Ora, 27 dic. 2012

di Gabriella Lax

Si è conclusa con successo, qualche settimana fa, la prima trasferta di alcuni reperti archeologici calabresi.

Hanno viaggiato con tutte le precauzioni per migliaia di chilometri per poi essere esposte nella sala delle adunanze del Parlamento europeo. Un grande passato davanti a noi è il titolo dell'esposizione che si prefigge di dare voce e valorizzare la cultura e la storia calabrese, per testimoniare le radici profonde di questa terra dalle quali rintracciare le stesse radici dell'Europa intera.

Tra i reperti, tutte testimonianze della cultura Magno Greca di Calabria, che sono stati esposti dal 12 al 16 novembre scorso nella mostra c'erano: il maestoso Dioscuro di Locri, il Kourus di Reggio Calabria, la Testa del Filosofo , il Toro cozzante di Sibari, l'Elmo Corinzio di Vibo Valentia e la Stele di Crotone (nota anche come Cippo di Horo sui coccodrilli, è un piccolo portafortuna risalente all'Epoca Egizia rinvenuto tra la fine degli anni 70 vicino all'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone).

Si è trattato di un magistrale allestimento poiché, per la prima volta, i beni sono stati esposti nella sede di Bruxelles, per l'iniziativa nata dall' intesa tra il parlamentare europeo Pino Arlacchi, presidente della società in house della regione Progetto Magna Grecia e l'assessore della Regione Calabria alla Cultura Mario Caligiuri, in precedenza presentata a Catanzaro, durante la quale lo stesso assessore aveva chiarito: «Per la nostra Regione si è trattato di un grande passo in avanti nell'azione di rivalutazione del patrimonio artistico culturale che si affianca all'iniziativa Calabria Jones , promossa per gli alunni degli istituti scolastici». A Bruxelles, per l'naugurazione ufficiale oltre ad Arlacchi, al sovrintendente per i beni culturali della Calabria, Francesco Prosperetti alla sovrintendente per i beni archeologici della Calabria Simonetta Bonomi, c'era Antonella Freno, direttore generale del Progetto Magna Grecia . Secondo il parlamentare Arlacchi «Abbiamo visto la più importante manifestazione sulla valorizzazione della ricchezza archeologica della Calabria organizzata al di fuori del nostro paese. Si è trattato di una vetrina di primo piano per recuperare le vere radici dell'Europa che non sono quelle cristiane ma sono principalmente greche di cui la Calabria è testimone di primissimo piano con città-colonie come Sibari, Locri, Crotone così come l'intero Sud d'Italia».

«È  stata un esperienza altamente positiva, ci auguriamo che possa essere sola la prima di una serie - ha chiarito la Freno - i beni esposti rappresentano il fiore all'occhiello dell'identità europea». Grande successo di pubblico, grazie alle numerose visite delle delegazioni che si sono susseguite nei vari giorni. Arlacchi e la Freno hanno scelto  l'arte orafa d Michele Affidato quale simbolo della Calabria che produce e si fa apprezzare nel mondo.



 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 105 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info