Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Un pentino conferma la bufala della trattativa

E-mail Stampa PDF

l'Unità, 10 novembre 2013

L'analisi di Pino Arlacchi

Un nuovo pentito ha dichiarato che nel 1992 Cosa Nostra aveva deciso di uccidere anche Claudio Martelli e Giulio Andreotti. Si tratta di una non notizia perché il fatto è noto non solo agli esperti, ma anche al largo pubblico. Ma c'è chi l'ha riciclata senza battere ciglio e sotto il titolo di "trattativa Stato-mafia".
È lo stesso pentito, invece, a dire che la trattativa non è mai esistita perché c'è stato qualcosa di molto più grave: la collusione costante e profonda tra un pezzo delle istituzioni e la mafia siciliana.
Gli anni della cosiddetta "trattativa" sono stati in realtà quelli dello scontro epocale, al calor bianco, tra la rete di protezione politica che aveva garantito impunità secolare a Cosa Nostra da un lato, e nuove forze della società civile e delle istituzioni della sicurezza emerse lungo gli anni 80, dall'altro.
La battaglia decisiva si è svolta nel biennio '92-'93, ma dentro di essa c'era anche una crudele resa dei conti tra Cosa Nostra e i suoi massimi protettori nella politica, nell'economia e nello Stato.

La data cruciale è il 30 gennaio '92, quando viene emessa la sentenza della Cassazione che conferma e aumenta le condanne ai massimi vertici della mafia inflitte alla fine del maxiprocesso antimafia di Falcone-Borsellino.
La sentenza definitiva fu inaspettata e rappresentò per Cosa Nostra una mazzata dalla quale non si è più ripresa. Il nuovo pentito conferma ciò che i collaboratori del tempo ci hanno già raccontato.
Totò Riina "impazzì" alla notizia della condanna. Il passaggio alla strategia di sterminio fu immediato. Per i Corleonesi divenne di nessuna importanza chiedersi se a quel punto i loro protettori - dai cugini Salvo ad Andreotti a Salvo Lima - avessero o no fatto il possibile per mantenere le promesse di annullamento degli ergastoli. Il motto divenne: "Ora ci rumpimmu li corna a tutti". Altro che trattativa. Amici e nemici dovevano morire.
Il 12 marzo cade Salvo Lima. Il 23 maggio c'è Capaci. Il 19 luglio via D'Amelio. Il 17 settembre cade Ignazio Salvo.
Si progetta un attentato contro i figli di Andreotti da far eseguire a Roma ai mafiosi catanesi. Si prepara fin nei dettagli un attentato contro Claudio Martelli, responsabile di "essersi preso i voti di Cosa Nostra nelle elezioni del 1987", e di averle sparato poi contro una serie di leggi micidiali dopo il 1991, ispirate da Giovanni Falcone.
Trattativa? Gli anni '92-'93 sono quelli in cui si dà sfogo all'odio incontenibile contro quei servitori della giustizia che oggi onoriamo e che sono stati gli autori della debacle della mafia siciliana.
Ma sono stati anche gli anni del colonnello Mori e del suo confidente Ciancimino con i loro patetici papelli e negoziati e con le millanterie sui ruoli che ricoprivano. E c'è stato purtroppo anche chi ha elevato questo episodio minore a una negoziato a tutto campo, oggetto, in realtà, di compatimento negli ambienti delle forze dell'ordine impegnate in tutt'altra partita.
Gli inventori della "trattativa" hanno così finito col fornire un resoconto di quell'epoca che suona denigratorio nei confronti della capacità intellettuale e professionale di Falcone e Borsellino. Eroi generosi ma un po' sprovveduti, che non si rendevano ben conto della potenza ingannatrice del nemico che avevano di fronte.
Ma per fortuna i tribunali hanno già iniziato a fare giustizia di questa bufala mediatico-giudiziaria su cui si sono costruite molte carriere immeritate.
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 355 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info