Home » Rassegna Stampa » Articoli »

L'incubo della palude

E-mail Stampa PDF

l'Unità, 23 mar. 2011

l'Editoriale di Pino Arlacchi

Siamo in un momento molto delicato della crisi libica. A soli tre giorni dall´inizio dell´intervento militare, si impone un cambiamento di rotta.
Determinato da un problema di non poco conto: il rischio che anche questa volta vada a finire come in Iraq e in Afghanistan. Che si finisca cioè col venire risucchiati in una guerra vera e propria.

Se i bombardamenti sulla Libia non vanno verso una rapida conclusione, visto che sia il segretario alla Difesa che il capo di Stato maggiore americano hanno dichiarato che l´obiettivo di distruggere le difese antiaree di Gheddafi è stato raggiunto, la coalizione degli attaccanti rischierà di trovarsi al di fuori della copertura della risoluzione ONU. Nella zona dell´illegalità e dei potenziali crimini di guerra.
La risoluzione autorizza «l´uso di tutti i mezzi appropriati» per proteggere i civili e istituire la
no fly zone, ma non permette la guerra, né il rovesciamento o l'uccisione di Gheddafi, e meno che mai la distruzione di obiettivi non militari. E questa è da sempre la linea del Consiglio di Sicurezza.
Non dimentichiamo che neppure in occasione della prima guerra del Golfo del 1991 l'Onu autorizzò un cambiamento di regime ad opera di un intervento militare esterno. E il primo Bush si adeguò al mandato ricevuto, sconfiggendo Saddam Hussein ma astenendosi dal marciare su Baghdad e deporre il dittatore con la forza delle armi.
L'orientamento della comunità internazionale verso la crisi libica, inoltre, è cambiato. Dall'iniziale sostegno verso un intervento volto a fermare le stragi di civili che protestavano contro il regime di Gheddafi, si è passati alla disapprovazione dei raid aerei contro Tripoli perché essi hanno già provocato, e rischiano di provocare, proprio quelle vittime civili che dovevano evitare.
L'Unione africana, la Lega araba, la Cina, la Russia, la Turchia, la Germania, il Brasile, l'India ed una congerie di altre entità stanno chiedendo agli attaccanti e a Gheddafi di cessare l'uso della forza e lasciare spazio ad una soluzione negoziata.
È una buona idea, che Gheddafi deve essere costretto ad accettare. E che i leader franco-britannici devono sottoscrivere.
La strada da percorrere per facilitare la transizione democratica della Libia deve essere coerente con l'essenza della democrazia stessa, che è il metodo della nonviolenza. È per questo che lo zelo della Francia e della Gran Bretagna nel proteggere i diritti umani negati da una tirannia alla quale fino a poche settimane prima vendevano armi in cambio di petrolio non ha convinto nessuno.
Lo spettacolo dei
Mirage francesi che colpiscono altri Mirage di proprietà libica, allo scopo magari di farseli ricomprare alla fine delle ostilità, non è stato molto edificante. Come non edificante è stato il ricordo della recente visita del primo ministro Cameron alla fiera delle armi tenutasi ad Abu Dhabi, allo scopo di vendere gli ultimi ritrovati della repressione (Eurofighters e simili) agli emirati medievali del Golfo.
Vale a dire ai prossimi candidati del cambiamento democratico in corso.
Sarebbe un grave errore, infine, non lasciare alcuna via d'uscita a Gheddafi. Il colonnello si è rivelato più forte, per potenza militare ed appoggio dal basso, di quanto molti abbiano pensato. L'opposizione al suo regime, per converso, si è dimostrata debole e poco radicata.
Ma l'appoggio internazionale ai ribelli può fare la differenza e creare una situazione che obblighi il tiranno a trattare. È bene quindi, in un momento successivo, lasciare alle dinamiche interne ed a quelle regionali la ricerca degli sviluppi più opportuni. Riservandosi comunque di intervenire con la forza, in nome della risoluzione ONU, in ogni situazione nella quale sia necessario proteggere le vite dei cittadini libici minacciati.

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 254 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info