Era stato già sconfitto

E-mail Stampa PDF

l'Unità, 3 mag.2011

L'Editoriale di Pino Arlacchi

L’enfasi suscitata dalla notizia della morte di Bin Laden è, tutto sommato, inferiore a quella che ci si poteva aspettare in relazione all’enormità dell’evento.
Nelle reazioni americane, le tracce della “esagerazione della minaccia terrorista” del post 11 settembre, pur presenti, sono temperate dalle preoccupazioni per altre possibili ripercussioni e, in particolare, per le temute reazioni di Al Queda. Pochi parlano di “vittoria nella terza o quarta guerra mondiale”, di “trionfo finale del bene sul male” o di “liberazione dell´ Occidente da una minaccia mortale”. È rimasto solo Schifani a parlare dell´eliminazione di Bin Laden come di un evento che cambia la storia. L’attenzione del mondo è ormai altrove e, in pochi giorni, si volterà pagina. I tempi del catastrofismo sul futuro della democrazia occidentale e della pace internazionale sotto attacco fondamentalista volgono al tramonto. Si sta facendo strada una visione più realista delle insidie alla sicurezza internazionale e alla stabilità politica interna.

Per esempio, sta facendo rumore un documento redatto all’interno Pentagono nel quale ci si interroga se non sia il caso di smetterla con la sbornia militarista dell’epoca di Bush e non si debba invece investire di più nell’educazione e nella formazione dei giovani. Il capo delle forze armate USA ha già dichiarato più di una volta che la maggiore minaccia alla sicurezza del suo paese non è Al Queda ma l’immenso debito pubblico. Gli occhi di tutti sono ormai puntati su temi completamente diversi da quelli del decennio passato. È terminata l’ossessione della minaccia islamica e della esportazione della democrazia. Si discute di nuovo dei grandi temi ambientali, delle crisi finanziarie e della riforma del sistema monetario internazionale. Ci si appassiona per la questione energetica, per la transizione democratica del mondo arabo, e per l’emergenza delle nuove potenze globali come i BRIC (Brasile, India, Cina e Russia), la Turchia, l´Indonesia, il Sudafrica ed altri. Non ci si può sottrarre, perciò, a una sensazione di vecchio, di stantio, nel vedere le foto di Bin Laden, nell’ascoltare la rievocazione dei suoi proclami, e nell’assistere ai tentativi di farci rivivere paure per catastrofi post 11 settembre che non si sono mai realizzate.

In effetti, Bin Laden era già da qualche tempo un morto che cammina. Ancora prima di essere mandato all’altro mondo dalle forze speciali americane, lo sceicco saudita era stato già eliminato - assieme ad Al Queda e soci - dalla scena politica e dall’immaginario collettivo del mondo arabo. Proprio lui ed i suoi erano stati le vittime più inaspettate della rivoluzione democratica del Nordafrica e del Medioriente. Terrorismo e fondamentalismo islamico non hanno svolto alcun ruolo in quei cambiamenti epocali. Anzi, sono stati colpiti nel loro vero tallone d’Achille: un’irrilevanza sostanziale che si è manifestata nell’incapacità di cambiare davvero il corso delle cose. E, per colmo di ironia, sono stati messi fuori gioco proprio da quelle masse che avrebbero dovuto seguirli nella guerra santa. I dimostranti delle piazze Tahir hanno buttato giù le autocrazie guardandosi bene dal far ricorso a strumenti dell'armamentario estremista: le atrocità contro gli innocenti, la fomentazione dell’odio religioso, l’antioccidentalismo e l’antiamericanismo più viscerali. Il rigetto del fanatismo e l’accettazione della democrazia come metodo della non violenza non potevano essere più completi.

È per queste ragioni che non ci sarà alcuna tremenda vendetta per l’uccisione di Bin Laden. Non vedremo alcun 11 settembre bis, né ora, né nel prossimo futuro. Chi agita queste paure non ha colto i significati profondi della sconfitta politica e culturale del terrorismo islamico. Che è anche una sconfitta per quanti, sulla minaccia dell’Islam all’Occidente, hanno costruito fortunate carriere politiche ma disgraziate avventure militari.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 240 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info