Giro di vite sul pascolo abusivo

E-mail Stampa PDF

Nelle ultime settimane denunciate dieci persone di una sola famiglia

La Gazzetta del Sud - Crotone, 25 giu.2011

di Giuliano Carella
Giro di vite sul pascolo abusivo lamentato dai tanti piccoli possessori di terreni di località Rivioti a Cotronei. Da qualche settimana, infatti, c'è l'intervento congiunto dello Stato e della Commissione europea per sanzionare e, al tempo stesso regolamentare l'allevamento di mandrie miste di bestiame. Allo scopo di fare il punto sugli interventi di contrasto attivati nel merito, si sono incontrati ieri mattina in Prefettura l'europarlamentare del Pd Pino Arlacchi e il prefetto Vincenzo Panico. I due sono stati a confronto, a tu per tu, per circa un'ora. Arlacchi e Panico hanno discusso delle iniziative intraprese per ricondurre alla normalità questa pratica anomala che, su quei circa 500 ettari di terreno (per lo più coltivati ad uliveto), va avanti da oltre 10 anni.

«È terminata l'era dell'impunità per chi calpestava e disprezzava i diritti elementari dei cittadini in questo pezzo d'Europa e dello Stato», ha spiegato il parlamentare europeo nativo di Gioia Tauro. «Nelle ultime settimane – è entrato poi nel merito l'onorevole Arlacchi – vi sono state dieci denunce, tutte a carico di un unico gruppo famigliare». Arlacchi ha poi parlato di frodi comunitarie consistenti sulle quali ha già attivato l'intervento dell'Olaf, l'Ufficio europeo per la lotta antifrode. L'intervento dell'organismo di controllo della Commissione europea, l'europarlamentare, lo aveva sollecitato lo scorso 8 giugno, fra le righe di un'interrogazione parlamentare. «Grazie agli accertamenti effettuati – ha proseguito Arlacchi – su queste persone si abbatteranno adesso una serie di provvedimenti sanzionatori e repressivi che metteranno la parola fine alla prassi illegale».
La Prefettura, ieri, ha divulgato una nota, a firma del capo di gabinetto Roberto Micucci, in cui si è constatato: «Il limitato effetto deterrente del sistema penale in materia, in quanto, i rarissimi procedimenti penali instaurati davanti al giudice di pace su querela di parte si sono finora conclusi con l'irrogazione di sanzioni pecuniarie». «Dall'inizio del 2010 ad oggi – ha sottolineato la Prefettura – la questione è stata più volte approfondita in sede di riunione tecnica di coordinamento delle Forze di polizia, nonché nell'ambito di incontri avuti col sindaco pro tempore di Cotronei, con l'Asp di Crotone e alcune associazioni locali di allevatori».
In tali circostanze, ha specificato ancora il capo di gabinetto, sono stati pianificati una serie d'interventi (maggiore vigilanza, verifica del rispetto delle norme igienico-sanitarie, monitoraggio sul rispetto della normativa fiscale, fattibilità del sequestro delle mandrie vaganti e la successiva distruzione). La Prefettura ha quindi reso noto: «L'Arma locale ha eseguito, dal febbraio 2010, oltre 150 servizi automontati, ricorrendo inoltre all'applicazione di un'ordinanza sindacale del 2001 di divieto di pascolo per denunciare ex art. 650 i contravventori». Inoltre, dagli accertamenti compiuti tra il 2010 e il 2011 è emerso che «il fenomeno è riconducibile in gran parte a soggetti di uno stesso gruppo familiare».
Dieci sono infatti le persone denunciate (8 delle quali appartenenti ad un unico gruppo famigliare) per diverse violazioni al codice penale: articolo 650 (inosservanza dei provvedimenti dell'autorità), articolo 636 (introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui) e articolo 635 (danneggiamento). «In particolare – ha specificato al riguardo Micucci – nel marzo scorso, il Corpo forestale dello Stato ha localizzato circa 200 caprini al pascolo deferendo all'Autorità giudiziaria 5 allevatori, di cui 4 appartenenti al predetto gruppo familiare, per pascolo abusivo su fondo pubblico, contestando anche il concorso di persone». «Il Corpo forestale dello Stato è giunto al deferimento all'Autorità giudiziaria di un soggetto per le ipotesi di truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche dell'Ue e per falsità materiale».

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 85 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info