Pd a convegno a Bagnara, Arlacchi «La Calabria può voltare pagina»

E-mail Stampa PDF

Al centro del dibattito distribuzione e gestione dei fondi europei

Il Quotidiano della Calabria, 23 giu. 2013

di Vera Barilà

BAGNARA - « Abbiamo tutte le risorse possibili per consentire alla Calabria di voltare pagina». Ha esordito così Pino
Arlacchi all’incontro organizzato dal circolo bagnarese del Pd in collaborazione con i gruppi reggini Giovani Democratici e Socialisti & Democratici.

Nell’anfiteatro “Don Italo Calabrò” di Bagnara sono stati accolti dal segretario cittadino dei democrat, Giusy Versace, rappresentanti delle istituzioni, militanti del partito, operatori culturali e cittadini. Nell’intento di discutere sulla distribuzione e gestione dei fondi europei si è svolta una riunione pubblica che ha richiamato all’attenzione un folto pubblico. Giusy Versace, oltre a presentare l’evento ha fatto da moderatrice alternandosi con Antonino Castorina, segretario GD di Reggio Calabria. «Non occorre nulla di
innovativo; serve utilizzare ciò che non viene utilizzato – ha asserito Castorina – è fondamentale analizzare le buone forma di amministrazione e ripartire dai territori per aprire al confronto». Dello stesso avviso il Consigliere Regionale Nino De Gaetano: «Esistono comuni virtuosi che sono riusciti a svilupparsi grazie ai fondi comunitari. Oggi gli amministratori sono costretti a tagliare i servizi e aumentare le tasse. Non partono opere pubbliche, il settore della sanità è al collasso. Dobbiamo riscoprire il gusto di interloquire con la cittadinanza per risolvere i problemi».

Nel corso della serata sono intervenuti Elisabetta Tripodi sindaco di Rosarno, Domenico Idone sindaco di Campo Calabro, Michele Galimi segretario del PD di Cinquefrondi, Giovanni Laruffa ex sindaco di Polistena, Luigi Tassone segretario GD della provincia
di Vibo Valentia, Nino Spezzato operatore culturale, Filippo Marino ex insegnante, Massimo Canale avvocato penalista, Gaetano Ciccone segretario del Pd di Scilla, Gaspare Sapioli segretario del PD di Galatro. Tutti i convenuti sono stati concordi nel ribadire la necessità di una classe dirigente autorevole, capace di legarsi ai bisogni del territorio. La scuola, il turismo e l’agricoltura sono stati i settori maggiormente citati nel dibattito, in quanto si tratta delle aree più bisognose degli interventi comunitari. Arlacchi ha con-
cluso illustrando le proprie idee a tutti gli uditori: «Le risorse oggi ci sono ma non ci sono parole per descriverne la cattiva gestione da parte della Regione Calabria; si tratta di soldi che ci spettano visto che paghiamo le tasse e non spenderli rappresenta la più grande violazione dei diritti della cittadinanza». Lasciare all’ente regionale la gestione dei progetti più vasti e trasferire la gestione dei capitali rimanenti ai Comuni potrebbe costituire per Arlacchi un punto di partenza: «Abbiamo tre grandi risorse: l’Università della Calabria, modello nel Sud e in tutta Italia, il Porto di Gioia Tauro, la più grande zona portuale del Mediterraneo, l’immenso patrimonio archeologico, naturale e paesaggistico. Dobbiamo promuovere insieme idee che ci consentano di risolvere le criticità affinchè non venga demoralizzata la Calabria migliore».

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 160 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info