L'appello dal "Sud che funziona": accorciare le distanze con l'Europa

E-mail Stampa PDF

Bruxelles, 19 ott. 2011

C’è un Sud virtuoso che si sente sempre più parte integrante dell’Europa, ma che chiede di superare gli ostacoli normativi e burocratici che tengono ancora troppo lontani gli enti locali dalle istituzioni comunitarie, e che ne rallentano lo sviluppo.

È il messaggio forte lanciato dalla conferenza-dibattito “Il Sud che funziona”, promossa dall’eurodeputato Pino Arlacchi e organizzata dal gruppo S&D a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo.

All’incontro hanno partecipato 14 sindaci e amministratori locali di altrettanti Comuni della Campania: Agropoli, Amalfi, Atrani, Campagna, Casalbuono, Cetara, Felitto, Giffoni Valle Piana, Giungano, Oliveto Citra, Rutino, Sassano, Torchiara, Vietri sul Mare.

Un’iniziativa destinata a ripetersi e che vuol portare all’attenzione delle massime istituzioni europee quelle amministrazioni che, dando prova di buon governo, sono riuscite a valorizzare le risorse offerte dal territorio e dalle rispettive tradizioni (turismo, artigianato, industria, attività culturali), e hanno saputo sfruttare al meglio le opportunità di finanziamento dell’Unione europea.

«L'Europa – ha spiegato Arlacchi – deve saper raccogliere la richiesta degli amministratori locali: c’è da correggere e definire meglio strumenti normativi che spesso si sono rivelati farraginosi o addirittura illusori per i Comuni, dagli “accordi di reciprocità” con la Regione, al rispetto del patto di stabilità che spesso lega le mani agli enti locali, impedendo di trasformare spese correnti in spese di investimento e bloccando numerosi progetti».

Arlacchi ha rivolto un plauso all’azione di Comuni virtuosi che, mettendo da parte ogni forma di vittimismo antistatale e di retorica campanilistica, mostrano ogni giorno, nei fatti, quanto la progettualità politica e la creatività intellettuale si possano tradurre in forme di buon governo.
«Sono esempi trainanti – ha detto l'eurodeputato – che devono ora contagiare quella fetta di Sud rimasta più indietro, soprattutto per incapacità dei propri dirigenti. Il miglior rimedio contro l’antipolitica dilagante è la vicinanza della gente, la fiducia delle comunità locali conquistata con l’onestà e la trasparenza di amministratori capaci, e con l’uso efficace delle risorse a loro disposizione».

«Risparmi, politiche fiscali, bilanci sani: contare sulle proprie forze è la prima arma per crescere, ma non c'è dubbio - ha concluso Arlacchi - che il futuro dell’Europa passi dai Comuni. Più si rafforzano questi esempi di eccellenza amministrativa, soprattutto in zone bisognose di sviluppo, più si dà senso e al grande progetto europeo.

Al dibattito è intervenuto, tra gli altri, il dirigente dell'Unità di Politica Regionale della Commissione Europea, Alberto Piazzi che ha evidenziato come i progetti finanziati dall’Europa abbiano la massima garanzia di trasparenza, di monitoraggio e di “tracciabilità” dei fondi. Piazzi ha invitato i Comuni a non esitare nel segnalare ritardi e inefficienze nella gestione degli stanziamenti, per poter attivare immediatamente ogni forma di controllo da parte delle istituzioni europee. Anche Piazzi ha sottolineato l’importanza delle forme di partenariato per dare più forza alle istanze dei Comuni.

Sullo stesso tema si è soffermato l''eurodeputato Andrea Cozzolino, che ha spiegato come l’Europa stia cercando di cogliere le sollecitazioni degli enti locali avviando, sia pure in fase sperimentale, forme di rapporto diretto con i Comuni. Allo studio anche l’ipotesi di una gestione diretta del 5% dei fondi comunitari da parte degli stessi Comuni, sottraendo questa quota al “filtro” delle Regioni.


 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 391 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info