I Bronzi sono la spia della cattiva politica

E-mail Stampa PDF

Gazzetta del Sud, 1 ott. 2009
di Pino Toscano

Lo afferma l'europarlamentare Pino Arlacchi, secondo il quale simboleggiano il fallimento di trent'anni di governo calabrese, di destra e di sinistra.

"Dovrebbero essere in cima alle preoccupazioni delle pubbliche autorità ma la casta è interessata ad altro".

I Bronzi di Riace infiammano di nuovo il dibattito generale. Palazzo Piacentini, come si sa, dovrà restare chiuso a lungo per lavori e sorge il problema di sistemare adeguatamente le due statue. Sullo sfondo si agita la questione mai risolta della loro effettiva valorizzazione. Parte da quì l'intervista con Pino Arlacchi, reggino di Gioia Tauro, sociologo, europarlamentare dell'Italia dei Valori, già deputato nazionale e vicepresidente dell'ONU per la lotta alla droga.

Periodicamente, e sempre in coincidenza con un allarme sulla loro sorte, i due Guerrieri tornano a fare notizia.

"Lo spostamento, anche temporaneo, dei Bronzi è una questione di interesse pubblico, che riguarda tutti, non solo i calabresi. I Bronzi, infatti, sono patrimonio dell'umanità, ed i calabresi hanno la fortuna di ospitarli nella loro regione. Fanno parte della più grande eredità che abbiamo, quella della Magna Grecia, e dovrebbero essere in cima alle preoccupazioni delle pubbliche autorità".

 Qual è la sua idea sulla discussione di questi giorni?

"Sono contrario a spostare i Bronzi per lungo tempo. Se devono essere restaurati, lo si faccia in tempi ragionevoli e noti fin dall'inizio. Ma è da irresponsabili spostarli dalla Calabria senza spiegazioni e senza preavviso. Se il motivo non è il restauro delle statue ma la chiusura del Museo di Reggio Calabria, sono sconcertato dall'assenza e dalla timidezza delle reazioni della politica locale. Spostare i Bronzi da Reggio per un paio di anni è una assurdità  e una provocazione nei confronti della Calabria. I Bronzi di Riace non devono muoversi dalla Calabria senza un serio motivo. Sono stato favorevole alla loro esposizione al G8 della Maddalena - che poi non si è tenuto - per via del grande ritorno di pubblicità e di promozione turistica per la Calabria e per l'Italia. Ma si trattava di pochi giorni e di una circostanza eccezionale".

Mentre adesso...

"Sono sconcertato dal fatto che le amministrazioni pubbliche competenti non abbiano mosso un dito per evitare il trasferimento delle statue, e non siano in grado di dare chiare spiegazioni su ciò che sta accadendo. D'altra parte, non mi aspetto nulla da chi non è stato capace - in trent'anni - di trovare neppure una sede adeguata per due capolavori assoluti come questi. In qualunque altro posto dell'Europa sui Bronzi e sul Museo di Reggio si sarebbe costruita una reputazione alternativa a quella della 'ndrangheta".

Perchè quì non è successo?

"Evidentemente la casta politica locale è interessata ad altre faccende, cioè alle sue. I problemi della Regione sono l'ultima delle sue preoccupazioni. Il cosiddetto dibattito politico in Calabria è un chiacchiericcio sconclusionato su cosa fa Tizio rispetto a Caio, su Caio che si è allontanato da Tizio ed avvicinato a Sempronio. Non esiste alcun dibattito serio sul futuro della Regione, sui suoi terribili problemi, sulla sua drammatica arretratezza. Il silenzio della casta locale sui problemi della Calabria viene ottenuto lasciandola libera di gestire senza controlli la spesa pubblica. Con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti: lo sfascio della sanità e dell'ambiente, l'assenza di una politica di valorizzazione delle risorse, l'abbandono del patrimonio artistico ed archeologico".

E dunque, nella sua analisi, i Bronzi di Riace sono vittime della politica calabrese?

"Non c'è dubbio. Il caso dei Bronzi è la spia, un esempio di fallimento di una classe dirigente, di destra e di sinistra".

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 318 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info