Pechino, Pino Arlacchi ad AgiChina 24

E-mail Stampa PDF

"La Cina non ha nessuna voglia di seguire gli Stati Uniti nella visione che gli Usa hanno del terrorismo e che cercano di esportare altrove”

AgiChina24, L'intervista del corrispondente da Pechino Antonio Talia

Pino Arlacchi, Criminologo internazionale, ex direttore della UNDCCP, racconta i risultati raggiunti all'International Forum on Crime and Criminal Law in the Global Era, che si e' tenuto a Pechino ad ottobre.

Pechino, 15 nov. - “La Cina non ha nessuna voglia di seguire gli Stati Uniti nella visione che gli Usa hanno del terrorismo e che cercano di esportare altrove”: il parlamentare europeo Pino Arlacchi, criminologo internazionale, ex direttore della UNDCCP (ufficio dell’ONU per il controllo delle droghe e la prevenzione della criminalità organizzata) racconta così i risultati raggiunti all’International Forum on Crime and Criminal Law in the Global Era, che si è tenuto a Pechino alla fine di ottobre.

Di cosa si è discusso nel corso del Forum?

Il tema di quest’anno era il terrorismo, al forum hanno partecipato criminologi provenienti da tutto il mondo, ai massimi livelli. Sono rimasto colpito dall’apertura su un tema così delicato, dove paesi non democratici come la Cina dovrebbero avere una prospettiva ben diversa dalla nostra. Alla fine del forum, siamo riusciti a raggiungere l’accordo su una definizione condivisa di terrorismo. Mi sembra che sul tema i cinesi siano alla ricerca di una linea che, da un lato, li faccia stare insieme ai BRIC, e dall’altro li avvicini all’Europa.

Quali sono i contenuti dell’accordo raggiunto?

Si è parlato molto di fine del terrorismo, di declino inesorabile di Al Qaeda, di crescita di nuove forme di terrorismo legato più a fatti locali che vengono esaltati da internet e da fatti globali. Soprattutto, non c’è più nessuna resistenza a parlare di terrorismo di Stato, che fino a poco tempo fa era un argomento tabù. Qui addirittura lo ha proposto la delegazione cinese, e tutti gli altri delegati hanno accettato e approfondito.
Abbiamo raggiunto un accordo sulla caratterizzazione del terrorismo come fenomeno politico ben distinto da tutto il resto, ma anche come un fenomeno ormai segnato, in declino, e che tende a ibridarsi sempre più con la criminalità organizzata. Qui c’erano due posizioni: i delegati che dicevano che è un ibrido nuovo, e invece chi sosteneva che non si tratta di un’ibridazione al 50%-50%, ma che invece i gruppi criminal - basandosi su mercati e pezzi di società molto consistenti- in questo blend hanno già preso un sopravvento nettissimo. Quindi non c’è una vera e propria ibridazione, non si crea un fenomeno nuovo, ma è la criminalità organizzata che prende il personale del terrorismo in disarmo, ne acquisisce le tecniche, come ha sempre fatto, ma resta quella che è.

In che cosa la linea cinese e quella europea si sono allontanate da quella statunitense?

C’è stata grande opposizione di tutti ai più recenti sviluppi americani: violazione delle leggi internazionali attraverso l’uso di droni e gli assassinii mirati. Tutti i delegati hanno evocato l’incubo di un mondo in cui cadono i confini delle giurisdizioni nazionali, e un gruppo di Stati può costruire i suoi droni e andare a eliminare di qua e di là quelli che ritengono essere nemici della sicurezza nazionale. Poi abbiamo convenuto sul forte ridimensionamento dell’allarme terrorismo, troppo esagerato dei media sul terrorismo. E infine i processi ai terroristi: rifiuto dell’applicazione della pena di morte extragiudiziale a chiunque venga sospettato di terrorismo.

Ritiene che il sistema giudiziario cinese sia pronto a recepire queste idee?

Chiaramente la Cina è un’autocrazia, una dittatura, ma i barlumi di un sistema giudiziario più moderno e più efficiente in Cina ci sono. Gli studiosi cinesi coi quali ho parlato sostengono che sulla questione della pena di morte c’è una moratoria di fatto: la applicano in casi rarissimi e secondo loro non è lontano il giorno nel quale la aboliranno. Sarà questione di anni, ma quella è la direzione. Io credo che man mano che la Cina diventerà egemone, via via che l’alternatività della Cina agli Stati Uniti crescerà, i cinesi avvieranno questa riforma. Il progresso non può che giocare a favore del miglioramento del sistema giudiziario cinese.

di Antonio Talia
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 385 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info