Porto di Gioia, Arlacchi: «È ora di fare squadra»

E-mail Stampa PDF

Calabria Ora, Ed. Catanzaro 14 sett. 2012

di Francesco Russo

L'eurocleputato Pd presenta gli Stati generali e critica il governo

GIOIA TAURO «Il Governo nazionale dimostra ancora una volta la sua scarsa attenzione nei confronti della Calabria
e del porto di Gioia Tauro». Nel presentare gli "Stati generali del porto", la due giorni di approfondimento da lui ideata che si terrà da questa mattina nella Piana, l'eurodeputato del Pd Pino Arlacchi punta soprattutto sulla «fase propositiva», parlando di un «ampio confronto con tutti gli attori interessati per superare le polemiche del passato ed aprire una nuova pagina di sviluppo per il porto e la Calabria».

Ma la nota stonata non manca, ed è appunto la mancata risposta della politica nazionale all'appuntamento. «Nonostante le comunicazioni ufficiali riferisce Arlacchi non siamo riusciti a ottenere la partecipazione dei ministri Passera e Barca, né di altri rappresentanti del Governo. Un fatto che personalmente ritengo gravissimo, vista la portata dell'iniziativa messa in campo». Né è meno duro il giudizio sugli ultimi anni di politiche economiche. «Gli investimenti di questi ultimi anni, dal Governo Berlusconi fino a quello Monti, parlano chiaro. Le risorse maggiori vengono sempre destinate ai porti del Nord, mentre Gioia Tauro viene sistematicamente dimenticata.

In questo senso, la politica regionale deve iniziare a fare squadra, al di là del colore politico, per chiedere più attenzione sui tavoli romani». Quanto invece all'iniziativa che farà tappa oggi a Gioia Tauro e domani a San Ferdinando, Arlacchi traccia l'ambizioso obiettivo di «una sede di confronto aperta in cui tutti i vari attori coinvolti nella gestione del porto rendano conto ai cittadini delle azioni fin qui intraprese e dei prossimi obiettivi da perseguire per rilanciare lo scalo». In questo senso la parola d'ordine, per Arlacchi, è promozione: «Occorre da una parte far conoscere il più possibile nel mondo le straordinarie caratteristiche di questo porto, e dall'altra recuperare un'immagine positiva che non sia legata alla mafia, come invece la stampa ama spesso dipingere». Francamente sorprendenti, sul versante commerciale, le dichiarazioni di Arlacchi.

«Sembra incredibile afferma l'europarlamentare ma a dispetto delle sue enormi potenzialità il porto di Gioia Tauro è ancora poco conosciuto nel mondo. Proprio in questi giorni, sono stato in visita a Taiwan, un Paese in grande espansione economica, e li ho scoperto che alcuni grossi operatori del settore non sanno nemmeno dove sia Gioia Tauro. Qualcuno, invece, mi ha chiesto se è stata completata l'opera di dragaggio portata a termine dieci anni fa. Insomma, c'è poca informazione, occorre avviare una seria azione di promozione, magari costituendo anche una società ad hoc». Problematiche che verranno discusse oggi alla presenza di istituzioni, aziende che operano al porto, sindacati. Centrale, peraltro, sarà la discussione sulla realizzazione della tanto "agognata" logistica. «Come si ripete ormai da anni pro-  segue l'europarlamentare l'obiettivo dev'essere quello di superare il transhipment
per puntare alla lavorazione delle merci nel retroporto. In questo senso, la grande opportunità oggi si chiama Zes, owero una Zona Economica Speciale, con incentivi sulla nascita di nuove imprese e sulla produzione. Una formula che in altre parti del mondo ha creato grande sviluppo, ma che in Europa ancora non esiste. È stata rilanciata dall'Unione europea per aiutare la Grecia, ma a questo punto è chiaro che anche la Calabria, come zona economica depressa, potrà ambire allo stesso risultato». Ma per realizzare la logistica, occorre anche puntare ad un maggiore collegamento con il resto del Paese. Ecco allora il tema sempre caldo delle infrastrutture previste dall'Apq. «L'iniziativa spiega Arlacchi servirà a fare il punto anche su questo, a partire dalla presenza al tavolo di Rfi». Ma l'europarlamentare Pd tiene molto anche al discorso sicurezza, su cui verrà incentrata la giornata di domani: «Saranno presenti magistrati e forze dell'ordine, per spiegare qui ali sono stati i progressi in questi anni, e poi anche autorevoli giornalisti che dibatteranno attorno al quesito provocatorio "Il porto della mafia?"». Nel pomeriggio di domani, infine, la parola passerà alla politica, dai comuni del Porto fino ai parlamentari calabresi che vorranno partecipare. «Un modo, appunto, per fare squadra tutti insieme in una partita che conclude Arlacchi può rappresentare realmente il futuro della Calabria».

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 131 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info