Magna Graecia: c'è un bronzo a Catanzaro

E-mail Print PDF

Metto a disposizione dei lettori di questo sito la mia lettera (pubblicata dal Quotidiano della Calabria, 13 sett. 2013), all'Assessore alla Cultura della Regione Calabria.

La risposta dell'assessore Caligiuri alla mia lettera al Presidente della Regione in cui riassumo i motivi della imminente messa in liquidazione della società "Progetto Magna Graecia" - nata per valorizzare il patrimonio archeologico regionale e ora in agonia - conferma in pieno quanto sostengo a proposito delle responsabilità sue personali e del governo regionale.

Caligiuri, inoltre, omette due circostanze fondamentali.

La prima è che l'azionista di maggioranza di "Magna Graecia" è la Regione Calabria stessa. La quale in un primo momento mi coinvolge in un progetto ambizioso di buongoverno, capace di far decollare buona parte dell'economia della Calabria attraverso la messa a frutto del suo maggiore tesoro, e poi mi nega i mezzi per farlo partire.
Occorre perciò una bella faccia di bronzo per affermare di aver riposto grandi speranze nella mia persona e nel mio ruolo di deputato europeo, e di essere rimasti delusi nel momento in cui si sono accorti che la mia unica strategia era quella di far affidamento sulle risorse della Regione invece che su quelle dei privati e dell'Unione Europea.

La seconda omissione, infatti, è che Caligiuri non dice che alla data del mio primo incontro con lui e Scopelliti , nell'estate 2010, si trovavano a sua disposizione fondi europei per oltre 250 milioni di euro da spendere nell'area dei beni culturali entro il 2014. Il nostro accordo consisteva perciò nel dotare la società di un fondo di partenza di 30-50 milioni di euro con i quali intraprendere interventi di alto profilo, a partire dalla riqualificazione e messa in fruizione di quanto già esiste nei musei e nei parchi della Calabria e si trova in stato di quasi abbandono.
Questo colpo d'ala iniziale ci avrebbe permesso di superare quella barriera di credibilità che ostacola qualunque cosa venga intrapresa in Calabria, dandoci accesso, nel medio-lungo periodo, non solo ad ulteriori fondi europei, ma anche a donazioni private.
Provate ad immaginare la reazione del Dipartimento Affari Regionali di Bruxelles o quella di un grande donatore di fronte ad una richiesta di finanziamento nel 2010, nel momento in cui la Regione si trovava già a detenere fondi comunitari di tale entità da far impallidire i bilanci dei beni culturali di interi Stati europei!
Dove sono finiti, allora, questi fondi tra il 2010 ed oggi? Non è un mistero. È la principale ragione della mia incazzatura. Gran parte di essi sono semplicemente scomparsi perché tagliati a grossi tranci dalla Commissione Europea in quanto non finalizzati. Per mancanza di progetti, idee, e voglia e capacità di buongoverno.
L'assessore Caligiuri ha preferito l'umiliazione di un taglio degli stanziamenti alla loro destinazione in investimenti di lungo periodo sulle strutture del nostro patrimonio archeologico, anche attraverso Progetto Magna Graecia.
Perché Caligiuri non ha mosso un dito, dopo aver dichiarato ai quattro venti che Magna Graecia era un ottima cosa?
Perché, evidentemente, ha fiutato il pericolo che si facesse sul serio. Se avesse mantenuto la parola, si sarebbe davvero rischiato, a quest'ora, di avere la Magna Grecia calabra sull'orlo del riconoscimento UNESCO. E di ritrovarsi con i beni archeologici rimessi in sesto e diventati il fiore all'occhiello di una comunità regionale e di tutta la diaspora calabrese nel mondo.
Il pericolo era che ciò avvenisse senza una ferma presa sui benefici e sui beneficati, e senza una esclusiva identità dei beneficiari di tutta la storia.
Meglio, allora, volare basso e in solitario. Come sempre. Accontentarsi dell'effetto annuncio. Far balenare, ma mai praticare i progetti di buongoverno. E proseguire distribuendo risorse pubbliche a pezzettini, ad amici, clienti, ed amici degli amici.
E così ho risposto a chi si stava chiedendo dove sono finiti i fondi che non sono stati tagliati dall'Europa e sono rimasti in Calabria.

Pino Arlacchi

Strasburgo, 12 settembre 2013

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 337 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info