Porti: Stati Generali Gioia; Stasi: "Sostenere Zona Speciale"

E-mail Print PDF

Confronto tra forze sociali e sindacati su prospettive

(ANSA) - Gioia Tauro (RC), 14 sett. 2012 - ''Per capire il mancato sviluppo del porto di Gioia Tauro ci vorrebbe uno studioso di ermeneutica, perche' tante sono state le occasioni e gli approfondimenti intorno al porto che si sono svolti negli ultimi 15 anni''. Lo ha sostenuto il presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, Lucio Dattola, aprendo la seconda sessione di lavori degli Stati generali del porto di Gioia Tauro, incentrata sul contributo delle forze sociali, delle organizzazioni sindacali, dei rappresentanti del territorio compreso quello della diocesi di Oppido-Palmi.

Dattola ha quindi ricordato la creazione della societa' di gestione dell'interporto che, ha ricordato, ''e' stata abbattuta dalle polemiche, a volte di stampo campanilistico, che si sono sviluppate sull'iniziativa che aveva anticipato anche i temi odierni''. Dattola ha infine ricordato di non avere partecipato per oltre un anno e mezzo alla riunione del comitato portuale proprio perche' oggi il comitato ''gestisce solo l'ordinario''. Infine, dopo aver dato atto alla Regione di aver fatto cose concrete sul porto, ha sottolineato che comunque su progetti seri la Camera di Commercio e Unioncamere Calabria sono della partita.

Nel dibattito sono intervenuti anche i rappresentanti sindacali Annibale Fiorenza della Fit Cisl, Francesco Cozzucoli dell'Ugl Mare, Giuseppe Rizzo della Uil Trasporti e Carmelo Cozza del Sul. Tutti hanno sottolineato l'importanza dell'iniziativa assunta dall'europarlamentare del Pd Pino Arlacchi e, in particolare, Cozza ha chiesto ''un soggetto unico per la gestione delle aree industriali del retroporto''.

Don Pino De Masi, vicario generale della diocesi di Oppido-Palmi, dopo aver ricordato l'importanza del lavoro come elemento di liberta' per tantissimi giovani e la crisi che ha tolto lavoro a tantissimi di essi ha denunciato ''le tante responsabilita' di chi ha governato i processi industriali nel retroporto concepiti male tanto che sono quasi tutti falliti lasciando sul campo capannoni abbandonati e senza vita. Progetti che hanno bruciato migliaia di miliardi di vecchie lire finiti tra le maglie dell'illegalita'''. Il vicario generale della diocesi ha poi rivolto un appello alle istituzioni affinche' i capannoni delle aziende fallite e finanziate con risorse pubbliche non finiscano nelle mani della 'ndrangheta.

La sessione pomeridiana e' stata conclusa dalla vicepresidente della Giunta regionale Antonella Stasi che ha ricordato le risorse messe a disposizione dalla Regione come i fondi per il gateway ferroviario, i contratti di sviluppo e il progetto sul ferro-bonus. La Stasi ha infine riproposto l'attenzione sul progetto della zona economica di sviluppo che e' allo studio della Regione, dell'Autorita' portuale e delle aziende che lavorano in porto facendo un appello alla politica nazionale affinche' sostenga la Zes (zona economica di speciale) come elemento strategico di sviluppo del porto. Infine Antonella Stasi ha voluto sottolineare i rischi della strumentalizzazione della presenza della mafia che rischiano di allontanare possibili investitori. ''Se noi - ha detto - continuiamo a dire e a consentire che a Gioia ci sia la mafia non verra' nessuno ad investire, se c'e' la mafia dobbiamo fare di tutto per mandarla via''.

Pino Arlacchi, nel concludere i lavori di questa prima giornata, ha assunto la proposta della Zona economica speciale come ''la bandiera di prospettiva di tutti gli attori del porto''. (ANSA).

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 134 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info