Porti: Stati Generali Gioia; Stasi: "Sostenere Zona Speciale"

E-mail Stampa PDF

Confronto tra forze sociali e sindacati su prospettive

(ANSA) - Gioia Tauro (RC), 14 sett. 2012 - ''Per capire il mancato sviluppo del porto di Gioia Tauro ci vorrebbe uno studioso di ermeneutica, perche' tante sono state le occasioni e gli approfondimenti intorno al porto che si sono svolti negli ultimi 15 anni''. Lo ha sostenuto il presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, Lucio Dattola, aprendo la seconda sessione di lavori degli Stati generali del porto di Gioia Tauro, incentrata sul contributo delle forze sociali, delle organizzazioni sindacali, dei rappresentanti del territorio compreso quello della diocesi di Oppido-Palmi.

Dattola ha quindi ricordato la creazione della societa' di gestione dell'interporto che, ha ricordato, ''e' stata abbattuta dalle polemiche, a volte di stampo campanilistico, che si sono sviluppate sull'iniziativa che aveva anticipato anche i temi odierni''. Dattola ha infine ricordato di non avere partecipato per oltre un anno e mezzo alla riunione del comitato portuale proprio perche' oggi il comitato ''gestisce solo l'ordinario''. Infine, dopo aver dato atto alla Regione di aver fatto cose concrete sul porto, ha sottolineato che comunque su progetti seri la Camera di Commercio e Unioncamere Calabria sono della partita.

Nel dibattito sono intervenuti anche i rappresentanti sindacali Annibale Fiorenza della Fit Cisl, Francesco Cozzucoli dell'Ugl Mare, Giuseppe Rizzo della Uil Trasporti e Carmelo Cozza del Sul. Tutti hanno sottolineato l'importanza dell'iniziativa assunta dall'europarlamentare del Pd Pino Arlacchi e, in particolare, Cozza ha chiesto ''un soggetto unico per la gestione delle aree industriali del retroporto''.

Don Pino De Masi, vicario generale della diocesi di Oppido-Palmi, dopo aver ricordato l'importanza del lavoro come elemento di liberta' per tantissimi giovani e la crisi che ha tolto lavoro a tantissimi di essi ha denunciato ''le tante responsabilita' di chi ha governato i processi industriali nel retroporto concepiti male tanto che sono quasi tutti falliti lasciando sul campo capannoni abbandonati e senza vita. Progetti che hanno bruciato migliaia di miliardi di vecchie lire finiti tra le maglie dell'illegalita'''. Il vicario generale della diocesi ha poi rivolto un appello alle istituzioni affinche' i capannoni delle aziende fallite e finanziate con risorse pubbliche non finiscano nelle mani della 'ndrangheta.

La sessione pomeridiana e' stata conclusa dalla vicepresidente della Giunta regionale Antonella Stasi che ha ricordato le risorse messe a disposizione dalla Regione come i fondi per il gateway ferroviario, i contratti di sviluppo e il progetto sul ferro-bonus. La Stasi ha infine riproposto l'attenzione sul progetto della zona economica di sviluppo che e' allo studio della Regione, dell'Autorita' portuale e delle aziende che lavorano in porto facendo un appello alla politica nazionale affinche' sostenga la Zes (zona economica di speciale) come elemento strategico di sviluppo del porto. Infine Antonella Stasi ha voluto sottolineare i rischi della strumentalizzazione della presenza della mafia che rischiano di allontanare possibili investitori. ''Se noi - ha detto - continuiamo a dire e a consentire che a Gioia ci sia la mafia non verra' nessuno ad investire, se c'e' la mafia dobbiamo fare di tutto per mandarla via''.

Pino Arlacchi, nel concludere i lavori di questa prima giornata, ha assunto la proposta della Zona economica speciale come ''la bandiera di prospettiva di tutti gli attori del porto''. (ANSA).

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 134 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info