Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

E-mail Print PDF

Roma, 5 gen. 2015

La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di buon senso che sta in campo, e vale anche per gli altri paesi indebitati.

Il catastrofismo sulla probabile vittoria di Syriza alle prossime elezioni greche è sbagliato e controproducente. Le idee di questo partito sulla fine della crisi greca sono giuste e sensate, e valgono anche per i paesi europei più indebitati. Solo la scarsa conoscenza della materia può giustificare chi dipinge Tsipras, il leader di Syriza, come un estremista e un antieuropeista.

Sono molti gli esperti che pensano che se vogliamo uscire davvero dalla crisi non dobbiamo solo rovesciare le politiche di austerità alla Merkel, ma accettare un fatto di palmare evidenza: alcuni Stati membri dell’ Unione hanno accumulato un debito che non saranno mai in grado di ripagare, dato che non dispongono dei mezzi adeguati a simili circostanze. Il debito è stato emesso, infatti,
a) in una moneta che quegli stessi Stati non hanno diritto di stampare;
b) si trova ad essere ormai quasi completamente detenuto da autorità pubbliche e dalla BCE;
c) È stato inizialmente alimentato da creditori privati e pubblici altrettanto “leggeri” e “irresponsabili” dei debitori di oggi.
Da questa situazione se ne esce solo con una soluzione “tedesca”, ma non nel senso delle odierne ricette letali della Merkel bensì in quello della conferenza di Londra del 1953, che condonò alla Germania sia il 50% dei debiti contratti negli anni ’20 e non onorati dopo, sia quelli assunti verso gli USA nel dopoguerra.
Siccome c’è stato un tempo in cui era la Germania la Grecia di oggi (e un po’ anche l’ Italia, la Francia, la Spagna e il Portogallo), dovrebbe essere la signora Merkel a dover promuovere una conferenza europea guidata dalla stessa ratio di quella del 1953. E se non lo fanno i tedeschi, occorre che lo facciano gli altri. E’ in questo modo che si può ripartire con la crescita economica e con un salto di qualità delle istituzioni europee.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 231 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info