Home » In the Press » Interviews »

Afghanistan: Arlacchi, bombe non risolvono nulla. Irrealistico ritiro 2011

E-mail Print PDF

Giovedì all'europarlamento presenta la Nuova Strategia dell'Ue

Bruxelles, 12 ott.  2010- (Adnkronos) - "Le bombe non risolvono nulla", l'impegno italiano in Afghanistan "deve restare quello stabilito dal Parlamento, di una missione di pace", la data dell'estate del 2011 per l'avvio del ritiro è ne' più nè meno che "irrealistica". A due giorni dalla presentazione al Parlamento europeo della Nuova strategia dell'Ue sull'Afghanistan di cui è relatore -presentazione che coincide con il vertice ministeriale della Nato a Bruxelles - l'europarlamente del Pd (ex Idv) Pino Arlacchi ne delinea i punti fondamentali e commenta le ultime prese di posizione in Italia. Come quella, emersa all'indomani dell'uccisione di quattro
alpini nella valla del Gulistan, di dotare di bombe i caccia, per assicurare una maggiore protezione delle truppe sul terreno.

 

"Dal mio punto di vista - chiarisce Arlacchi, parlando con l'ADNKRONOS - è fondamentale che il nostro impegno in Afghanistan sia quello stabilito dal Parlamento, che la nostra rimanga una missione di pace e che a nessuno venga in mente di pensare che con le bombe si risolva qualcosa. Dopo dieci anni in cui bombardiamo tutto il bombardabile, con le forze internazionali che si sono rese
responsabili di stragi di civili, anche i militari chiedono un cambiamento o un alleggerimento, mentre l'Italia è  l'unico Paese che pensa di aumentare la capacità offensiva del nostro impegno e questo mi dispiace molto".
L'europarlamentare del Pd definisce poi "irrealistica" la data dell'estate del prossimo anno per iniziare il ritiro militare dall'Afghanistan, deadline che potrebbe essere annunciata al vertice della Nato del mese prossimo a Lisbona. "Bisognerebbe evitare di ipotizzare prospettive infondate", avverte Arlacchi, per il quale ci
vorranno "minimo due anni" prima che i militari stranieri possano lasciare l'Afghanistan, ovviamente a condizione di "mettere in piedi un buon programma di formazione della polizia".  E la formazione delle forze di sicurezza afghane è uno dei punti fondamentali della Nuova strategia dell'Ue, che dovrebbe essere votata il prossimo 9 novembre a Bruxelles dalla commissione Esteri dell'Europarlamento. Strategia la cui premessa è "il deterioramento della situazione complessiva del Paese negli ultimi dieci anni, della sicurezza e dei principali indicatori economici, e l'ammissione che sul piano militare c'è un impasse, perché i talebani non possono sperare di vincere sulle forze della Nato e altrettanto non può fare la missione Isaf", spiega l'europarlamentare.
Riconosciuta dunque la necessità di una strategia d'uscita da una situazione che può essere risolta militarmente, Arlacchi elenca i quattro punti del suo rapporto. Che comincia con la richiesta di riforma dell'aiuto internazionale, avendo accertato che "solo il 20% dei fondi destinati all'Afghanistan arriva davvero alla popolazione, a
causa di uno spreco e di un fenomeno corruttivo nella catena degli aiuti che non dipende soltanto dal solito governo afghano, ma è all"occidentale, meno visibile e sfacciato, più sofisticato".
Poi il processo di pace, con "un deciso sostegno al processo di riconciliazione interna tra il governo del presidente Karzai, che ha il diritto di scegliere il modo in cui uscire dalla crisi, e gli elementi dell'insurgency", sostiene l'europarlamentare, che individua nella formazione delle forze di polizia, "cruciale per il nostro ritiro", il terzo elemento della Nuova strategia. Su questo "si vanno facendo progressi - riconosce - soprattutto da quando è stato messo un limite alla piaga dei contractors, che sono più numerosi dei militari regolari, non rispettano regole di alcun tipo, uccidono e
torturano e non formano la polizia".
Il quarto elemento, in ultimo, è la fine della coltivazione di oppio, la cui produzione è tornata ai livelli precedenti il 2001, nonostante gli 1,6 miliardi di dollari spesi dalla comunità internazionale negli ultimi otto anni per le misure di lotta contro la
droga, conclude Arlacchi.
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Il Venezuela nella morsa di Trump

In questa riflessione pubblicata stamattina su Il Fatto Quotidiano delineo i possibili sviluppi della situazione in Venezuela, e sottolineo come molto dipenda...

Articoli | 06 Apr 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 177 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info