Diario di Kampala

E-mail Print PDF

«Da anni mi batto perché la giurisdizione concreta della Corte includa quello che é stato definito come "la madre di tutti i crimini", cioè il crimine di aggressione perpetrato da singoli uomini di governo contro uno Stato estero».

di Pino Arlacchi, 29 mag.2010

Come intendo muovermi assieme ai miei colleghi parlamentari europei qui a Kampala, alla Conferenza di revisione del Trattato di Roma, che ha creato 12 anni fa la Corte penale internazionale? Da anni mi batto perché la giurisdizione concreta della Corte includa quello che é stato definito come "la madre di tutti i crimini", cioè il crimine di aggressione perpetrato da singoli uomini di governo contro uno Stato estero. Solo pochi giorni fa, il 19 maggio, il Parlamento Europeo ha approvato a larga maggioranza una coraggiosa risoluzione nella quale prende posizione proprio su questo che é il tema più scottante.

Il Parlamento si è schierato per l'adozione della definizione più netta del crimine di aggressione, quella che include “pianificazione, preparazione, inizio o esecuzione da parte di una persona che si trovi in una posizione che consenta di esercitare un controllo effettivo su, o di dirigere l’azione politica e militare di uno Stato, di un atto di aggressione che, per carattere, gravità e scala, costituisca una manifesta violazione della Carta delle Nazioni Unite”. Non solo, ma sul punto ancora più controverso, quello di chi debba prendere l'iniziativa per attivare l'azione della Corte penale internazionale su un caso di aggressione, il Parlamento Europeo ha sposato la cosiddetta “opzione numero 1”, che prevede l’assenza di qualunque filtro preventivo, incluso quello del Consiglio di Sicurezza dell' ONU.

Il filtro consiste in una autorizzazione preventiva al Prosecutor della Corte, il quale non può iniziare un’indagine se un’entità esterna non abbia prima stabilito che un possibile atto di aggressione è stato commesso. Il capofila delle possibili entità esterne é ovviamente il Consiglio di Sicurezza, ed i suoi 5 membri permanenti - tra cui due paesi membri dell'Unione come la Francia e il Regno Unito - si sono pronunciati contro l’opzione numero uno, perché decisi a garantirsi l'impunità mettendo il veto sull’inizio di qualunque indagine nei loro confronti. Ma il Parlamento Europeo, che é l’unico organo dell’Unione eletto direttamente dai cittadini, non ha tenuto conto della posizione di questi due suoi membri, anche se molto influenti e per altri versi schierati a sostegno della Corte. Il mio compito, e quello degli altri colleghi della Delegazione parlamentare, dovrebbe perciò consistere nel far valere l’orientamento del Parlamento, prima di tutto, ahimé, all’interno della Delegazione dell’Unione europea, dove i rappresentanti del Consiglio europeo e della Commissione non sembrano molto sensibili alle nostre posizioni. È questo un problema molto serio, e molto spinoso, che si aggrava ogni giorno di più dopo l'approvazione del Trattato di Lisbona: i burocrati
della Commissione e del Consiglio, alleati con i governi degli stati membri più potenti, tentano di impedire che il Parlamento ottenga gli spazi di “policy-making” che gli spettano per legge.
Esporrò su questo sito le posizioni in campo, da quella della Germania e della Spagna, diametralmente opposte a quelle di Francia e Regno Unito, fino alle posizioni simili di Italia, Belgio e paesi scandinavi. Su tutto, come sempre, aleggia il peso della posizione del Grande Assente, gli USA di Obama. Che non possono partecipare alla Conferenza neppure come osservatori perché la paranoia dei tempi di Bush ha prodotto una legge che vieta ogni finanziamento , inclusi i biglietti di viaggio per Kampala, di ogni attività collegata alla Corte penale internazionale.

Pino Arlacchi  

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 302 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info