Ringraziamento agli elettori

E-mail Print PDF

Grazie a voi, care elettrici ed elettori, rientro nella vita pubblica italiana dopo 12 anni di università e di impegno internazionale, e dopo aver pubblicato la mia opera fondamentale sugli inganni della sicurezza globale. Sono pronto per la nuova sfida. Il vostro sostegno mi fa sentire più attrezzato di una volta, quando mi lanciavo nei progetti più audaci senza pormi troppe domande. Mi sento più forte perché il vostro consenso è stato molto vasto e profondo. Ho ricevuto oltre 20.000 attestazioni di stima, che onorerò operando nel Parlamento Europeo secondo ciò che abbiamo concordato durante la campagna elettorale. Mi sento forte perché non mi avete votato sull’ onda di un mio momento di successo mediatico, ma perché convinti di sostenere una storia personale che vi riguarda da vicino.

Non amo parlare di me stesso, ma negli ultimi mesi ho dovuto farlo per render più concreto e credibile il messaggio che Italia dei Valori ha lanciato in occasione delle elezioni europee. Non tutti quelli che mi hanno votato mi conoscevano già. Sono sulla breccia da quasi tre decenni perché ho iniziato molto presto ad occuparmi di grandi problemi collettivi. Ma la mia assenza dall’ Italia dopo il 1997, quando ho lasciato il Senato per andare all’ ONU, ha fatto sì che prima della campagna elettorale molti giovani non sapessero quasi nulla di me. I miei incontri con loro sono stati uno degli aspetti più gratificanti dell’ intera vicenda elettorale.

La campagna è stata un esperienza eccezionale. Mi ha riconciliato con l’ Italia, con il Sud e con la mia regione di origine, la Calabria. Ho toccato con mano una ricchezza umana che avevo perso di vista. I tre mesi che hanno preceduto le elezioni sono stati come un viaggio dentro l’ anima dell’ Italia odierna che mi ha permesso di coglierne luci, ombre ed aspetti nascosti. Mi sono convinto, infine, di una cosa. E’ in atto uno scontro tra una “società incivile” minoritaria nel Paese ma maggioritaria in Parlamento, rappresentata dal Signor. B., da una parte, ed una società civile di gran lunga più numerosa ma umiliata, demoralizzata, amareggiata dalla mancanza di una prospettiva per il futuro.

E mi sono convinto che è da qui che bisogna partire per ricostruire una visione dell’ Italia che dia voce piena alla sua società civile. Cioè alla sua risorsa più grande.

Ho tenuto decine di incontri, conversazioni e dibattiti con cittadini di ogni genere, molti dei quali tutt’ altro che convinti della validità delle mie proposte e di quelle di Italia dei Valori. Ed ho trovato una costante smentita del famoso detto di Winston Churchill che una chiacchierata di cinque minuti con l’ elettore medio è il più grande argomento contro la democrazia.

Questo aforisma va rovesciato, perlomeno in riferimento all’ Italia e al Mezzogiorno di oggi. Sono uscito molto arricchito da questa esperienza. E più ottimista sul futuro del mio paese. Grazie ancora, care elettrici e cari elettori.

Pino Arlacchi

12 Giugno 2009

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 156 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info