U.N. official says global crime convention "underutilised

E-mail Print PDF

Cocaine and heroin smugglers earn $280 million a day-U.N.

VIENNA, Oct 18 (Reuters) - Drug traffickers are making hundreds of millions of dollars every single day and countries must step up cooperation to stop an illegal trade which fuels global terrorism, the United Nations crime chief said on Monday.
"Drug trafficking continues to be the most lucrative line of business for criminals," said Yuri Fedotov, a Russian diplomat who took over as executive director of the United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC) earlier this year.
"Cocaine and heroin traffickers are earning almost $280 million every day," he added at the start of a week-long meeting in Vienna to review global progress on the issue.
Fedotov urged better use of the U.N. Convention against Transnational Organized Crime, a pact adopted in Palermo 10 years ago which he said was a major landmark in international law providing a basis for extraditions, intelligence-sharing and joint investigations.

He said his office knew of only 19 states, out of the 157 countries which have ratified the convention, which had used it to facilitate international cooperation, including extraditions, to combat criminal gangs.
"When we will be united I think we will have better chances to win this war," he said. "The convention is a powerful tool, but it remains underutilised."
Fedotov said cocaine smuggled from the Andean region to North America and Europe and heroin trafficked from Afghanistan to Europe were worth $72 billion and $33 billion annually -- money he said was being "invested in criminal businesses and fuelling terrorism."
He estimated that human trafficking of mostly women and children to Europe for sexual exploitation brought in $3 billion each year while smuggling of migrants from Latin America to North America earned $6.6 billion.

Website note:

Arlacchi’s main achievements during its UN mandate are the signing by 124 countries of the Palermo Convention against Transnational Organized Crime (2000), and the strategy “a Drug Free World” for the elimination of coca and opium cultivation worldwide approved by the UN General Assembly in 1998. The impact of this strategy has been evaluated in March 2009 by the Un Commission on Narcotic Drugs, which decided to reconfirm it for another ten years.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 301 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info