'Il Sud che funziona’ guarda all’Europa

E-mail Print PDF

Dal meridione pressioni sull’Ue per rivedere il patto di stabilità

L'INDRO, 21 ott. 2011

di Enrico Parolisi

C’è un Sud che funziona, che si distingue non per i disagi ma per la gestione virtuosa dell’apparato burocratico statale. Quattordici cittadine che non avranno gli stessi problemi di Napoli e Bari, ma che nel loro piccolo sanno farsi valere. Chi è rimasto estasiato dalla paradisiaca atmosfera di alcune perle del Salernitano come Vietri e Amalfi lo sa, le insenature si presentano tanto belle quanto ben curate.

E c’è un Sud che si fa portavoce degli altri Comuni italiani, ed è quello che ha trovato in Luigi De Magistris il suo uomo forte. Il sindaco di Napoli ieri ha annunciato di voler organizzare un Forum di primi cittadini entro il prossimo mese nella città partenopea. Anche De Magistris guarda all’Europa e vuole portare all’ombra del Vesuvio anche alcuni amministratori europei (e di altri continenti). Già ieri, a Palazzo San Giacomo, è riuscito a radunare consiglieri comunali della vicina Roma e della lontanissima Venezia sotto la stessa bandiera e con le stesse richieste (abrogare gli articoli 4 e 5 della manovra di Ferragosto).

Il primo cittadino è tra i cinque migliori sindaci secondo la graduatoria del ’Sole 24 Ore’, mentre le realtà piccole o piccolissime della vicina Salerno, insieme, provano a fare sistema. Campagna, Giffoni, Agropoli, Atrani, Casalbuono, Cetara, Felitto, Giungano, Olivero Citra, Rutino, Sassano e Torchiara: tutti alla conferenza “Il Sud che funziona - promossa a Bruxelles da Pino Arlacchi, europarlamentare del Pd. E’ una prima selezione, empirica, dell’Arlacchi studioso prima che politico - Possiamo parlare di deficit di conoscenza. Se ci fosse una comunicazione migliore e un’informazione più accurata, questi Comuni sarebbero noti a tutti. Il fatto che abbia dovuto scoprirli io è di per sé un indicatore negativo. C’è uno stereotipo del Comune del Mezzogiorno per cui mafia, corruzione e malgoverno imperano dappertutto. Ci siamo adagiati su questo stereotipo e non ci siamo accorti delle realtà in crescita”. In futuro altre realtà saranno annesse al progetto. “Sono esempi di eccellenza amministrativa – continua Arlacchi – all’interno di una provincia mediamente superiore alla media nazionale, quella di Salerno”.

“Il nostro scopo è quello di cercare di estrarre dalle pratiche di buon governo di questi Comuni gli elementi che ne hanno decretato il successo. La cosa difficile è poi impiantare queste pratiche nelle altre realtà meridionali. La fetta di amministrazioni virtuose è sicuramente più ampia di quanto uno ci si aspetti, ma non maggioritaria. Tra dieci anni questo deve essere il Mezzogiorno: virtuoso. Non mancano risorse e aiuti esterni, e fa parte di un continente che destina molte risorse al Sud. Perché si parla ancora di Sud arretrato e di malgoverni? E’ inutile cercare soluzioni nuove e fantasiose. Vediamo cosa funziona e applichiamolo a tutti. Self-confidence è la parola chiave. Dobbiamo prendere fiducia di noi stessi”.

Per continuare ad essere eccellenze, però, i Comuni fanno richieste precise al Parlamento Europeo. Rivedere strumenti normativi definiti dallo stesso Arlacchi "farraginosi o addirittura illusori": patti di stabilità che legano le mani agli enti locali, accordi di reciprocità con le Regioni. Al vaglio anche l’ipotesi di destinare il 5% dei fondi comunitari stanziati direttamente ai comuni, aggirando il filtro regionale. E sul patto di stabilità come freno alla crescita è intervenuto stamattina anche il presidente della Provincia Luigi Cesaro, chiedendo “parziali deroghe per i progetti che attraggano turisti e rilancino l’economia”.

All’incontro ’Il Sud che funziona’ ha partecipato anche l’europarlamentare napoletano del Pd Andrea Cozzolino, che paragona i primi cittadini chiamati in causa al compianto sindaco ’pescatore’ di Pollica (non molto distante da Agropoli) Angelo Vassallo. “Al Sud – afferma Cozzolino – ci sono tanti Angelo Vassallo impegnati quotidianamente in prima linea a difendere il loro territorio dalle speculazioni e dalle illegalità e a valorizzarne le potenzialità attraverso progetti di sviluppo sostenibili”. Forte del successo dell’iniziativa ’Il Sud che funziona’, Andrea Cozzolino annuncia: “Da gennaio a Bruxelles organizzeremo la scuola di formazione per i giovani amministratori locali del Mezzogiorno, interessati ad avere un rapporto più stretto con l’Europa e ad assimilare pratiche e sistemi di gestione innovativi. Il nostro obiettivo, con il lavoro che stiamo facendo insieme a tutta la delegazione degli europarlamentari Pd del Sud, è far crescere il Mezzogiorno che funziona attraverso un nuovo modello di governance territoriale. In questi anni, al di là degli stereotipi e dei problemi che innegabilmente ci sono stati, abbiamo avuto un Sud fatto di tanti amministratori locali, piccoli Comuni, enti intermedi che ha saputo spendere, e anche bene, i fondi strutturali. Oggi, che le ristrettezze di spesa causate dal patto di Stabilità e le incertezze dei programmi nazionali e regionali rendono più difficile gli investimenti sui fondi europei, noi chiediamo e lavoriamo per creare modelli di gestione che consentano agli enti locali e ai Comuni di interloquire direttamente con le istituzioni comunitarie. Riformare le regole, semplificarle e avvicinare l’Europa alle realtà territoriali virtuose è la sfida che, come forze progressiste e socialiste, abbiamo davanti a noi nei prossimi"

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 106 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info