L'eroina afghana miete sempre più vittime

E-mail Print PDF

La voce della Russia, 2 mar.2011

di Elena Kovalenko

Sembra una assurdità ma raggela le vene. Oggi i giovani  di Europa sono le principali vittime dell’Afghanistan. L’eroina afghana li uccide e in Afghanistan se ne produce il 90% del totale.

Lottare contro la droga è un imperativo categorico per la Russia e l’Unione Europea che dovrebbero unire gli sforzi contro questa minaccia.

Nel corso della sua visita in Italia il direttore del Comitato antidroga della Russia, Viktor Ivanov ha affrontato tutta questa problematica con l’europarlamentare Pino Arlacchi.

In una intervista esclusiva a La Voce della Russia l’onorevole Arlacchi ha sottolineato con forza che “l’Italia è un paese molto colpito,è il paese europeo che insieme all’Inghilterra ha il maggior numero di tossicodipendenti e quindi è logico che Ivanov si preoccupi di stabilire rapporti di collaborazione con il mio paese”.

Ascolta l’intervista di Elena Kovalenko:

La statistica non lascia scampo. Ogni anno in Russia penetrano dall’Afghanistan fino a 548 tonnellate di droga. Ancora peggiore è la situazione nei paesi dell’Unione Europea dove si arriva a 711 tonnellate.

Questo è un altro dei motivi per cui la Russia ha concesso alla Nato  libero transito sul suo territorio di tutti i carichi diretti in Afghanistan mentre conserva tutte le sue perplessità sulla politica di non intervento proprio per stroncare alla radice questo male.  E dire che secondo le Nazioni Unite la produzione di eroina in Afghanistan è aumentata di 40 volte ed oggi rappresenta un fatturato di un trilione di dollari.

Lo ha ricordato Viktor Ivanov e Pino Arlacchi concorda con lui.

In questo contesto la cooperazione italo-russa è quanto mai d’attualità  potenziando la funzione che i due paesi esercitano a livello mondiale.

Aggiunge Pino Arlacchi:

Il capo dell’antidroga Viktor Ivanov ha per l’appunto così definito il suo intervento al Consiglio provinciale fiorentino: «Per una azione consolidata della comunità mondiale contro la droga afghanа».

È evidente che contro la droga bisognerà lottare insieme e subito.

fonte: La Voce della Russia

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 298 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info