Arlacchi, dall'Agenda digitale al Mercato unico Europeo. Così si riduce il digital divide

E-mail Print PDF

Primapaginamolise.it, 31 gennaio 2014

di Davide Vitiello

Quinta puntata dell'inchiesta che fa luce sul tema web 2.0 e innovazione digitale all'interno della Pubblica Amministrazione. Dalle criticità che ostacolano il processo innovativo dell'information technology alle proposte mirate a semplificare il rapporto tra P.A. ed utenti attraverso il ricorso al modello del web sociale. Proponiamo oggi una intervista all'onorevole Pino Arlacchi, già Sottosegretario generale delle Nazioni Unite e dal 2009 deputato al Parlamento Europeo per il gruppo "Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici".

Quali sono le azioni fondamentali messe in campo negli ultimi anni dal Parlamento Europeo per contrastare il digital divide e favorire il diritto di accesso dei cittadini?
E' inaccettabile che, ancora oggi, esistano paesi in grado di accedere effettivamente alle tecnologie dell'informazione e, altri, che si trovano in una condizione di esclusione parziale o totale da esse. L'Unione Europea sta mettendo in campo azioni concrete per far sì che le varie forme di digital divide ( infrastrutturale, applicativo e formativo ) vengano ridotte e per garantire a tutti i cittadini l'acquisizione delle risorse necessarie per essere competitivi a livello economico e sociale. In proposito l'Agenda Digitale è, senza ombra di dubbio, lo strumento più efficace proposto fino ad oggi per contrastare la discriminazione digitale e l'aumento della criminalità informatica, e per sfruttare al meglio il potenziale delle
tecnologie della informazione e della comunicazione allo scopo di favorire, nell'ambito della strategia "Europa 2020", l'innovazione, la crescita economica e il progresso. L'obiettivo fondamentale è riuscire a sviluppare un mercato unico digitale per condurre l'Europa verso una crescita inclusiva, intelligente e sostenibile.

Crede che il tema dell'e-government e in particolare dei servizi pubblici on-line possa trarre beneficio dal modello del web sociale o web 2.0?
Ritengo che i servizi pubblici on-line possano trarre grandi benefici dal modello del web sociale. In particolare, il web 2.0, con le sue tecniche di programmazione web e relative applicazioni, andrebbe a diminuire drasticamente le procedure burocratiche che appesantiscono la Pubblica Amministrazione, per determinare una più facile e migliore interazione tra quest'ultima ed il cittadino.

Secondo lei quali sono i maggiori elementi che ostacolano la completa realizzazione del processo di democrazia elettronica in Italia?
Per quanto mi riguarda, temo che il concetto di democrazia diretta, tanto di moda oggi, non sia ciò di cui l'Italia ha realmente bisogno perché potrebbe alterare pericolosamente
il senso della partecipazione politica trasformandola in un ricorso continuo all'istituto del sondaggio. Inoltre, potremmo ragionare sulla possibilità di realizzare effettivamente un
reale processo di e-democracy solo quando il nostro Paese non sarà più condizionato da un divario tecnologico e infrastrutturale così ampio come quello tuttora esistente tra il Nord e le regioni del Sud Italia. Per far ciò abbiamo bisogno che dal Mezzogiorno si generi la spinta propulsiva di giovani amministratori attenti e preparati a fronteggiare le sfide odierne e future.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 573 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info