Arlacchi, dall'Agenda digitale al Mercato unico Europeo. Così si riduce il digital divide

E-mail Stampa PDF

Primapaginamolise.it, 31 gennaio 2014

di Davide Vitiello

Quinta puntata dell'inchiesta che fa luce sul tema web 2.0 e innovazione digitale all'interno della Pubblica Amministrazione. Dalle criticità che ostacolano il processo innovativo dell'information technology alle proposte mirate a semplificare il rapporto tra P.A. ed utenti attraverso il ricorso al modello del web sociale. Proponiamo oggi una intervista all'onorevole Pino Arlacchi, già Sottosegretario generale delle Nazioni Unite e dal 2009 deputato al Parlamento Europeo per il gruppo "Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici".

Quali sono le azioni fondamentali messe in campo negli ultimi anni dal Parlamento Europeo per contrastare il digital divide e favorire il diritto di accesso dei cittadini?
E' inaccettabile che, ancora oggi, esistano paesi in grado di accedere effettivamente alle tecnologie dell'informazione e, altri, che si trovano in una condizione di esclusione parziale o totale da esse. L'Unione Europea sta mettendo in campo azioni concrete per far sì che le varie forme di digital divide ( infrastrutturale, applicativo e formativo ) vengano ridotte e per garantire a tutti i cittadini l'acquisizione delle risorse necessarie per essere competitivi a livello economico e sociale. In proposito l'Agenda Digitale è, senza ombra di dubbio, lo strumento più efficace proposto fino ad oggi per contrastare la discriminazione digitale e l'aumento della criminalità informatica, e per sfruttare al meglio il potenziale delle
tecnologie della informazione e della comunicazione allo scopo di favorire, nell'ambito della strategia "Europa 2020", l'innovazione, la crescita economica e il progresso. L'obiettivo fondamentale è riuscire a sviluppare un mercato unico digitale per condurre l'Europa verso una crescita inclusiva, intelligente e sostenibile.

Crede che il tema dell'e-government e in particolare dei servizi pubblici on-line possa trarre beneficio dal modello del web sociale o web 2.0?
Ritengo che i servizi pubblici on-line possano trarre grandi benefici dal modello del web sociale. In particolare, il web 2.0, con le sue tecniche di programmazione web e relative applicazioni, andrebbe a diminuire drasticamente le procedure burocratiche che appesantiscono la Pubblica Amministrazione, per determinare una più facile e migliore interazione tra quest'ultima ed il cittadino.

Secondo lei quali sono i maggiori elementi che ostacolano la completa realizzazione del processo di democrazia elettronica in Italia?
Per quanto mi riguarda, temo che il concetto di democrazia diretta, tanto di moda oggi, non sia ciò di cui l'Italia ha realmente bisogno perché potrebbe alterare pericolosamente
il senso della partecipazione politica trasformandola in un ricorso continuo all'istituto del sondaggio. Inoltre, potremmo ragionare sulla possibilità di realizzare effettivamente un
reale processo di e-democracy solo quando il nostro Paese non sarà più condizionato da un divario tecnologico e infrastrutturale così ampio come quello tuttora esistente tra il Nord e le regioni del Sud Italia. Per far ciò abbiamo bisogno che dal Mezzogiorno si generi la spinta propulsiva di giovani amministratori attenti e preparati a fronteggiare le sfide odierne e future.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 171 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info