Start 2: L'Europa è ancora più avanti. È in rotta verso il "Nuclear Free World"

E-mail Print PDF

Bruxelles, 8 apr. 2010

È un accordo storico, ma al tempo stesso è un'altra tappa del lungo cammino della pace globale. Nel giorno in cui i media di tutto il mondo accendono giustamente le luci sulla firma del nuovo trattato Start tra Stati Uniti e Russia per la riduzione dei rispettivi arsenali nucleari, l’Europa sa di non essere soltanto spettatrice. I sentimenti del nostro continente sono molto più avanti rispetto a quelli che ispirano lo Start 2. Posso testimoniarlo nel mio ruolo di europarlamentare e di studioso impegnato da anni su questa frontiera. Poco più di un mese fa, il 3 marzo, il Parlamento europeo ha approvato una importante risoluzione che incorpora una proposta di cui sono primo firmatario a nome del gruppo ALDE. La risoluzione contiene una serie di proposte radicali sulla non proliferazione delle armi atomiche.

È un documento che ha una portata più ampia dell’accordo siglato oggi da Stati Uniti e Russia, perché punta all'obiettivo del disarmo nucleare totale. Cioè al mondo senza atomiche, al nuclear free world. È un’idea per la quale mi batto da molti anni, un quasi-sogno che adesso si comincia a realizzare: leggete il punto che sottolinea (scusate la cattiva traduzione italiana del testo ufficiale) “la necessità per l’Unione Europea di fare del suo meglio per ottenere un mondo libero dalle armi nucleari entro 10 anni”.
È la risposta dell’Europa all’idea rilanciata di recente da Obama. Sono riuscito a convincere il mio gruppo ad adottare proprio questa espressione, l’abolizione delle bombe atomiche entro dieci anni, superando lo scetticismo di alcuni colleghi con l’argomento che se non iniziamo a mettere delle scadenze temporali precise rischiamo di non vedere mai concretizzato l'impegno degli Stati nuclearizzati verso il disarmo totale. Impegno assunto ben 30 anni fa, con l’approvazione dell’art.6 del Trattato di non proliferazione nucleare.
Il Parlamento europeo si è schierato in questo modo per la denuclearizzazione del pianeta nei prossimi anni. Plauso, quindi, a quanto è successo oggi a Praga, ma al tempo stesso consapevolezza che la pace è un libro che deve essere scritto a più mani.


Leggi la Proposta di Risoluzione del Parlamento europeo-gruppo ALDE sul trattato di non proliferazione

Read the EP Motion for a Resolution on the Non-proliferation Treaty
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 203 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info