Start 2: L'Europa è ancora più avanti. È in rotta verso il "Nuclear Free World"

E-mail Stampa PDF

Bruxelles, 8 apr. 2010

È un accordo storico, ma al tempo stesso è un'altra tappa del lungo cammino della pace globale. Nel giorno in cui i media di tutto il mondo accendono giustamente le luci sulla firma del nuovo trattato Start tra Stati Uniti e Russia per la riduzione dei rispettivi arsenali nucleari, l’Europa sa di non essere soltanto spettatrice. I sentimenti del nostro continente sono molto più avanti rispetto a quelli che ispirano lo Start 2. Posso testimoniarlo nel mio ruolo di europarlamentare e di studioso impegnato da anni su questa frontiera. Poco più di un mese fa, il 3 marzo, il Parlamento europeo ha approvato una importante risoluzione che incorpora una proposta di cui sono primo firmatario a nome del gruppo ALDE. La risoluzione contiene una serie di proposte radicali sulla non proliferazione delle armi atomiche.

È un documento che ha una portata più ampia dell’accordo siglato oggi da Stati Uniti e Russia, perché punta all'obiettivo del disarmo nucleare totale. Cioè al mondo senza atomiche, al nuclear free world. È un’idea per la quale mi batto da molti anni, un quasi-sogno che adesso si comincia a realizzare: leggete il punto che sottolinea (scusate la cattiva traduzione italiana del testo ufficiale) “la necessità per l’Unione Europea di fare del suo meglio per ottenere un mondo libero dalle armi nucleari entro 10 anni”.
È la risposta dell’Europa all’idea rilanciata di recente da Obama. Sono riuscito a convincere il mio gruppo ad adottare proprio questa espressione, l’abolizione delle bombe atomiche entro dieci anni, superando lo scetticismo di alcuni colleghi con l’argomento che se non iniziamo a mettere delle scadenze temporali precise rischiamo di non vedere mai concretizzato l'impegno degli Stati nuclearizzati verso il disarmo totale. Impegno assunto ben 30 anni fa, con l’approvazione dell’art.6 del Trattato di non proliferazione nucleare.
Il Parlamento europeo si è schierato in questo modo per la denuclearizzazione del pianeta nei prossimi anni. Plauso, quindi, a quanto è successo oggi a Praga, ma al tempo stesso consapevolezza che la pace è un libro che deve essere scritto a più mani.


Leggi la Proposta di Risoluzione del Parlamento europeo-gruppo ALDE sul trattato di non proliferazione

Read the EP Motion for a Resolution on the Non-proliferation Treaty
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 155 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info