I "gangster delle vele" - Intervista a Pino Arlacchi

E-mail Print PDF

"Scampia è un'isola di emarginazione e disastro urbano, la repressione non basta: servono progetti di recupero"

Cronache di Napoli, 30 ott. 2012

Intervista di Ciro Giugliano

Onorevole Arlacchi, quanto la repressione nei confronti delle organizzazioni malavitose può avere efficacia senza una radicale permeazione del territorio da un punto di vista sociologico? E quanto la stessa conformazione geoarchitettonica (le Vele di Scampia e i rioni dormitorio di Secondigliano) dei quartieri in cui si combatte la nuova faida per il controllo della droga può influire su una 'deviazione' sociale che porta nei 'serbatoi' delle stesse cosche nuovi affiliati o fiancheggiatori?

«La repressione risolve nell’immediato, ma a lungo termine contano fattori diversi, quali per esempio la fine della segregazione abitativa, i programmi mirati di aumento dell’ occupazione e dell’ associazionismo giovanile. Ho già detto in varie sedi che nel caso di Secondigliano e di Scampia siamo in presenza di situazioni di gangsterismo urbano collegate alla camorra abbastanza atipiche. Scampia è un isola di emarginazione e disastro urbano che continua a produrre un numero sproporzionato di giovani disposti a mettere a rischio la vita propria e  quella altrui a prezzi molto bassi o in cambio di nulla più che di una integrazione fittizia dentro un gruppo. Il serbatoio di killer, reali e potenziali, si è grandemente ridotto negli ultimi trent’anni in tutto il Sud. Ciò ha fatto diminuire le perdite umane delle guerre criminali, ma ci sono eccezioni come Secondigliano e Scampia».

Droga a basso costo e discount degli stupefacenti (dosi di cocaina vendute anche a 10 euro rispetto ai 24 euro del resto d'Italia). L'area nord si è affermata come un vero e proprio supermarket della vendita al dettaglio di droga a livello europeo. Ma quali sono i canali privilegiati dei camorristi di Secondigliano e Scampia che consentono l'accesso ai grandi carichi di droga?

«Droga a basso costo significa un mercato sempre più miserabile, ma anche di più facile accesso. I canali di importazione all’ingrosso delle droghe dei mercati napoletani non sono più due o tre come 30 anni fa, ma molteplici. Ne conosciamo solo alcuni, anche perché le reti di distribuzione si sono moltiplicate, e molto più difficili da investigare anche per la polizia».

Quali sono le rotte storiche di importazione degli stupefacenti e, se ce ne sono, quali sono le nuove rotte?

«La rotta storica principale è quella che parte dall’ Afghanistan, passa dalla Turchia e dai Balcani e raggiunge l’ Europa occidentale. Ed è sempre quella. Ma ci sono nuovi canali dall’ Africa che riguardano soprattutto la cocaina. Per le droghe leggere è il NordAfrica che fa la parte del leone».

In cosa differisce la camorra napoletana rispetto all'incidenza sul territorio di 'ndrangheta e mafia?

«La camorra è sempre stata più fluida,irregolare e complessa, a causa della componente gangsteristica creata dall’emarginazione urbana. Le forze di polizia se la cavano bene quando hanno di fronte gruppi ben organizzati, che possono contrastare grazie agli archivi, le indagini bancarie e le leggi antimafia. Per i gangster urbani il discorso è differente. Molti sono sconosciuti agli inquirenti. C’è molto turnover nelle bande, che si aggregano e disgregano facilmente».

Si è abbassata l'età dei reggenti delle organizzazioni malavitose di Secondigliano, Scampia e i comuni dell'hinterland a nord di Napoli. Proporzionalmente sono cresciute la violenza e l'efferatezza, tanto da coplpire persino persone innocenti e slegate dal contesto criminale. Quanto il tramonto dei 'grandi capicosca' e l'avvento dei baby boss ha cambiato il volto delle organizzazioni e il volto delle stesse faide?

«Il numero crescente di persone innocenti che vengono uccise è legato a quanto detto sopra. Gli errori nelle esecuzioni e nelle sparatorie sono tipici di gente poco addestrata, poco professionale, che spara senza sapere bene cosa fa, che assume spesso droghe e che in certi casi lavora part-time. Una volta identificata, d’altra parte, questa stessa gente collabora più facilmente con gli inquirenti, ed accelera il ricambio ai vertici delle cosche, cioè il caos generale».

La mobilitazione di persone che si è notata per l'ultimo omicidio di un innocente a Marianella (Pasquale Romano), con fiaccolate e manifestazioni, ha visto coinvolti principalmente cittadini residenti nella zona in cui è avvenuto il delitto o provenienti dal comune di origine della vittima. Se fosse accaduto in un altro quartiere, come Vomero o Chiaia, zone della cosiddetta 'Napoli bene', la mobilitazione sarebbe stata del solo quartiere o dell'intera città o addirittura dell'intera nazione?

«Si è vero. E’ triste ammetterlo, ma è così. La vita umana non ha lo stesso valore nel centro e nella periferia della stessa città. Ma non dobbiamo mai stancarci di denunciare questo fatto odioso».

Qual è lo stato di salute del Pd campano?

«Cosa c’entra il PD? Stiamo parlando di criminalità. A parte gli scherzi, non conosco abbastanza i fatti interni al partito in Campania per rispondere. E devo aggiungere che non sono neanche molto interessato al tema. Se invece di parlare solo di posizionamento politico parlassimo più di cosa fanno i rappresentanti politici nelle istituzioni in cui lavorano, sarebbe un gran passo in avanti. Il modello da seguire è quello del sindaco di Salerno,Vincenzo De Luca, un uomo politico che è noto per quello che ha fatto e non per le sue comparsate nei media o per i suoi bluff populisti. De Luca ha compiuto una missione impossibile costruendola giorno dopo giorno lungo l’ arco di quasi venti anni. Ha trasformato una città alla sbando, sporca,povera,violenta e demoralizzata in un pezzo di Europa. Il mio amichevole invito a Gigino De Magistris è quello di andare a lezione da De Luca, parlare meno e lavorare di più per la sua città».

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Jul 2019

Rapporto Bachelet: "Dati inventati o grossolanamente esagerati. Operazione contro il Venezuela"

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Jul 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Jul 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran.   (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Jul 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Jul 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Jul 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY)   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Jul 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Jul 2019

Libia, l’intervento NATO che bombardò la ragione

Su Il Fatto Quotidiano di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Jul 2019

Newsletter


Chi è Online

We have 221 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info