Parliamentary questions

This section contains Parliamentary questions presented by myself and in conjunction with fellow members, as part of my activities in the European Parliament.



Fondi europei al Marocco per la gestione dell'immigrazione

E-mail Print PDF

26 settembre 2013

L’Unione Europea finanzia lo stato del Marocco con decine di milioni di euro all’anno per controllare e gestire al meglio i flussi migratori verso l’Europa. Il Marocco è, infatti, una delle vie di passaggio più importanti della migrazione clandestina in Europa per chi viene dall’Africa subsahariana. La maggior parte dei migranti arriva in Marocco attraverso i confini con l’Algeria, il Niger, il Mali o in mare dalla Mauritania in fuga da guerre civili o povertà estrema. Un rapporto pubblicato recentemente da «Medici senza frontiere» sottolinea però come la polizia marocchina violi continuamente i diritti umani dei migranti con un aumento costante di abusi, comportamenti degradanti e brutalità, nonché un livello intollerabile di violenze sessuali. Anche se è impossibile determinare la reale portata di questa violenza, i dati di MSF rivelano una situazione allarmante: dal 2010 al 2012, MSF ha prestato assistenza a 700 vittime di violenza sessuale. Sempre stando al rapporto, quando giungono segnalazioni di migranti in viaggio per mare, la guardia costiera spagnola, il più delle volte, riconsegna la nave alle autorità del Marocco.

Read more...
 

Riduzione del personale TNT Express in Italia

E-mail Print PDF

10 luglio 2013

TNT Express Italy è parte di TNT Express N.V., multinazionale olandese che opera nel settore dei servizi di trasporto espresso, fornendo a livello globale soluzioni di consegna. L'azienda dispone di un network nazionale con 117 filiali dislocate in molte regioni, 14 hub, 5 servizi clienti e oltre 1 200 TNT point, e garantisce occupazione a circa 3000 dipendenti.

Lo scorso 10 giugno TNT Express ha annunciato un piano di riorganizzazione aziendale per fare fronte al perdurare della crisi economica. Il predetto piano prevede di far confluire le attività operative delle filiali più piccole in strutture di dimensioni maggiori, comportando, così, 854 esuberi e la chiusura di 24 filiali tra il 2013 e il 2014. Lo scorso 28 giugno e 2 luglio lavoratori e sindacati hanno organizzato due giorni di scioperi di protesta.

Read more...
 

Trivellazioni marittime — prevenzione delle conseguenze di catastrofi naturali

E-mail Print PDF

11 giugno 2013

ENI, Shell e altre otto compagnie hanno avviato le procedure per iniziare trivellazioni marittime che interessano in particolare le coste dei comuni dell'alto Cosentino e del Mar Jonio, tra il Golfo di Taranto e quello di Sibari. Tali procedure stanno suscitando la ferma opposizione delle popolazioni locali, in quanto queste aree hanno una spiccata vocazione turistica e sono incompatibili con qualsivoglia tipo di attività estrattiva in mare.

Read more...
 

Gare per la distribuzione del gas

E-mail Print PDF

26 giugno 2013

Il decreto legislativo 164/2000 e le relative norme di attuazione regolamentano in Italia il servizio della distribuzione di gas naturale. Questo servizio è affidato tramite gara ad una singola impresa, per un massimo di 12 anni, in un regime di monopolio legale territorialmente limitato. L'assegnazione delle concessioni è prevista mediante gara unica in ciascuno dei 177 ambiti territoriali minimi (ATEM).

Le disposizioni che regolano la materia sembrano essere particolarmente vessatorie per i comuni italiani e sono in palese violazione dell'ordinamento dell'UE dal momento che la possibilità per una impresa ivi stabilita di partecipare alla gara unica è fortemente limitata se non addirittura impossibile.

I comuni infatti non possono bandire la gara singolarmente né stabilire in autonomia canoni ed estensioni di rete. Essi perdono ogni potere sulla determinazione dei canoni concessori vengono scoraggiati dall'indire gare congiunte con ostacoli burocratici, procedure di gara farraginose e ingenti richieste di mezzi e garanzie finanziarie. Ciò risulta tanto più evidente se si pensa che ad oggi nessuna gara d'ambito è stata espletata e gli attuali gestori, le cui concessioni sono scadute, continuano a gestire il servizio in regime di proroga legale.

Read more...
 

Decreto Commissariale n. 156/2012 e presunta violazione della normativa comunitaria in materia di tutela della salute

E-mail Print PDF

26 giugno 2013

Considerato che la Regione Campania, mediante decreto n. 156 del 31 dicembre 2012, pubblicato sul Bollettino ufficiale regionale n. 19 dell’8 aprile 2013, subordina la possibilità per i cittadini campani di accedere a determinate prestazioni sanitarie presso strutture o professionisti operanti in regioni confinanti con la Campania, alla previa acquisizione di un’autorizzazione dell’Azienda sanitaria locale di appartenenza;

Read more...
 

VP/HR — Embargo sulle armi in Siria

E-mail Print PDF

30 mag. 2013

La decisione del Consiglio europeo di porre fine all'embargo sulle armi nei confronti delle forze di opposizione siriane potrebbe avere conseguenze devastanti. Non esistono soluzioni semplici per fermare lo spargimento di sangue in Siria, ma di certo non lo è l'invio di ulteriori armi e munizioni. Il trasferimento di una maggiore quantità di armi in Siria non può far altro che aumentare il numero di morti fra i civili.

Nel febbraio 2012 la commissione di inchiesta delle Nazioni Unite sulla Siria ha riferito che i ribelli avevano commesso «crimini di guerra, compresi omicidi, esecuzioni extragiudiziali e torture»(1).

La risoluzione 2083 (2012) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite afferma che tutti gli Stati devono adottare misure per impedire la fornitura diretta o indiretta di armi e di relativi materiali ad Al-Qaeda e ad altri individui ed entità ad essa associati. Uno dei gruppi armati più potenti, Jabhat al-Nusra, è legato ad Al-Qaeda in Iraq.

Read more...
 

Recupero dei beni per i paesi della primavera araba in transizione

E-mail Print PDF

21 marzo 2013

In tutta la regione del Mediterraneo meridionale, i paesi della primavera araba in transizione si trovano ad affrontare gravi sfide politiche, economiche e sociali. Per questi paesi il recupero dei beni è una questione fortemente politica, poiché simboleggia il ripristino della giustizia e della responsabilità in nome della democrazia e dello Stato di diritto. Si tratta altresì di un'importante questione economica per i nostri vicini meridionali, in ragione del ruolo che tali fondi potrebbero svolgere, qualora restituiti in modo trasparente, nel contribuire alla ripresa economica.

La competenza effettiva per il recupero dei beni spetta innanzitutto agli Stati membri. In tale contesto l'UE svolge tuttavia un ruolo essenziale, che può rivelarsi decisivo. Le conclusioni dei copresidenti delle task force UE-Egitto e UE-Tunisia sottolineano tale aspetto, contenendo impegni ad intraprendere azioni concrete a livello di Unione e a rafforzare la cooperazione in materia. Nonostante la forte volontà politica dimostrata da tutte le parti interessate, rimangono molto limitati i risultati conseguiti dai soggetti impegnati in Egitto, Libia e Tunisia nel tentativo di recupero di beni acquisiti indebitamente.

Read more...
 

Le operazioni di extraordinary rendition della CIA

E-mail Print PDF

6 marzo 2013

Un nuovo rapporto pubblicato questo mese dalla Open Society Justice Initiative denuncia l'ampiezza del ricorso da parte della CIA alle extraordinary renditions - la pratica di rapire sospetti terroristi e trasferirli in paesi in cui si reputa che si torturino i prigionieri durante gli interrogatori. Secondo il rapporto, 54 paesi hanno partecipato al programma statunitense di detenzione segreta. In molti di questi paesi, lo stato di diritto è debole o inesistente, come in Afghanistan, Pakistan, Egitto, Malesia e Somalia. Ma ancora più allarmante è la collusione di democrazie più che mature come il Belgio, la Finlandia e la Danimarca, che, secondo il rapporto, hanno consentito alla CIA di utilizzare i loro aeroporti e il loro spazio aereo per i voli connessi alle operazioni di extraordinary rendition. Inoltre, la relazione afferma che Gran Bretagna, Italia, Germania e Australia hanno contribuito a interrogare uno o più sospetti e hanno permesso o attivamente contribuito al loro trasferimento verso paesi noti per torturare i prigionieri. Il Parlamento ha più volte ribadito la sua condanna delle pratiche di extraordinary rendition, le prigioni segrete e le torture.

Read more...
 

VP/HR - Vendite di armi del Regno Unito allo Sri Lanka

E-mail Print PDF

6 marzo 2013

Secondo dati raccolti dal database del governo britannico per il controllo delle esportazioni strategiche dal CAAT (Campagna contro il commercio di armi), il governo britannico sta vendendo armi di piccolo calibro e munizioni per milioni di sterline allo Sri Lanka, nonostante la disastrosa situazione dei diritti umani nel paese.
Infatti, le statistiche tratte dal database mostrano che l'anno scorso sono stati venduti al governo dello Sri Lanka articoli che vanno da fucili d'assalto e fucili a canna liscia a congegni di mira, fino a pistole e munizioni.
Tutto questo avviene nonostante che il Foreign Office britannico e del Commonwealth classifica ancora lo Sri Lanka come "paese a rischio" per le violazioni dei diritti umani. Il governo dello Sri Lanka è stato accusato della brutale repressione della minoranza tamil. Inoltre, in un aggiornamento di dicembre, il Foreign Office ha detto che la situazione dei diritti umani è stata caratterizzata da andamenti negativi.

Read more...
 

Respingimenti di migranti nei porti italiani

E-mail Print PDF

22 febbraio 2013

Il 22 gennaio Human Rights Watch ha pubblicato il rapporto "Restituiti al mittente: le riconsegne sommarie dall'Italia alla Grecia dei minori stranieri non accompagnati e degli adulti richiedenti asilo". Stando al rapporto, in più di un'occasione, i migranti arrivati clandestinamente sui traghetti provenienti dalla Grecia sulle coste italiane sarebbero stati respinti nel giro di poche ore senza che venissero prese in considerazione le richieste di asilo o lo status di minori. La mancanza di screening volti a identificare le persone bisognose di protezione nelle procedure della Polizia di frontiera italiana nei porti di Ancona, Bari, Brindisi e Venezia è in totale violazione dei principi del diritto internazionale. Il rapporto di HRW documenta anche le condizioni disumane di detenzione dei richiedenti asilo in Grecia. Una volta tornati indietro, infatti, i bambini migranti non accompagnati subiscono abusi e i richiedenti asilo sono esposti a condizioni di detenzione degradanti.

Read more...
 


Page 2 of 8
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

Featured Articles

Prev Next

L'Eredità di Giovanni Falcone ed i rischi del presente

L'Antidiplomatico 23 Maggio 2020   “Potrei fare a meno di tanti colleghi, ma non potrei mfare a meno di Pino Arlacchi” Giovanni Falcone Il...

Articoli | 23 May 2020

Ora attenti a questa Finanza predatoria

Il Fatto Quotidiano 21 Maggio 2020 Lo scenario di queste settimane richiama per certi versi quello del “golpe dello spread” che...

Articoli | 21 May 2020

"Dietro l'aggressione imperiale contro il Venezuela c'è un racket mafioso

L'Antidiplomatico 12 Maggio 2020 L’ ultima aggressione al Venezuela, la sesta in due anni, è appena fallita. Gli Stati Uniti hanno...

Articoli | 13 May 2020

Gli Stati Uniti dal governo mondiale alla protezione mafiosa

La Fionda, 7 Maggio 2020 In questi tempi arroventati, si cercano i precedenti della crisi attuale e si discute molto, perciò,...

Articoli | 10 May 2020

Conte difende il nostro paese dai figli di Troika

Il Fatto Quotidiano, 7 Maggio 2020 In questi tempi di fuoco, l’unico uomo di governo che pare aver capito qual è...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi all'Antidiplomatico: "Un Piano B prima che la finanza predatoria colpisca l'Italia"

L'Antidiplomatico, 25 Aprile 2020 Professore, come commenta l’ accordo del Consiglio Europeo dell’ altro ieri che ratifica le conclusioni dell’ Eurogruppo...

Articoli | 10 May 2020

Pino Arlacchi - Il nuovo ordine mondiale (che non ci sarà)

L'Antidiplomatico, 24 Aprile 2020 Circola una retorica sensazionalista che vede la sindrome del Coronavirus come una svolta radicale della storia moderna:...

Articoli | 10 May 2020

L’anomalia italiana è la Lombardia

Il Fatto Quotidiano, 9 Aprile 2020 L’anomalia dell’alto numero di decessi italiani per coronavirus rispetto a quelli del resto del mondo...

Articoli | 10 May 2020

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana"

Arlacchi: «A Miami i soldi della corruzione venezuelana

Il Periodista, 1 Aprile 2020 di Ruggero Tantulli. Il Periodista ha chiesto a Pino Arlacchi, ex vicesegretario dell'Onu e architetto della...

Articoli | 10 May 2020

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

Il Fatto Quotidiano, 30 Marzo 2020 Pechino ha preso il problema per le corna, scegliendo la guerra al Covid. Una decisione...

Articoli | 10 May 2020

Newsletter


Chi è Online

We have 324 guests online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info