Pascolo abusivo, interviene l'Ue

E-mail Stampa PDF

La Gazzetta del Sud, 5 giu. 2011

Critiche alle forze dell'ordine e alle istituzioni ritenute "assenti"

Cotronei - Arriva addirittura a livello d'interlocuzione europea l'annosa vicenda del pascolo abusivo che, ormai da decenni, assilla i proprietari dei fondi agricoli di località Rivioti costretti a subire la privazione del diritto di proprietà sui loro terreni, sistematicamente invasi da capi di bestiame bovini ed ovini nonostante recinzioni e cancelli.
Sul fenomeno si registra infatti una dura presa di posizione dell'eurodeputato del Partito democratico per l'Italia del Sud, Pino Arlacchi, che annuncia un suo prossimo intervento presso l'Unione europea «per far intervenire d'urgenza l'Olaf, il servizio di repressione degli abusi dei fondi europei», ed una sua richiesta d'incontro al prefetto di Crotone, «per chiedere conto dei comportamenti delle forze dell'ordine riguardo all'intera questione».

Una questione nota da queste parti quella sollevata dall'europarlamentare di origine calabrese, sulla quale più volte è stato invocato un intervento risolutivo da parte delle cosiddette autorità preposte, e che è stata al centro di diverse sedute del "Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica".
In ordine di tempo ricordiamo lo sfogo amaro dell'ex primo cittadino di Cotronei, Mario Scavelli, che si era praticamente arreso di fronte all'impossibilità di dare una risposta a tanti suoi concittadini, e l'impegno del neo sindaco della cittadina, Nicola Belcastro, pronto a convocare una prossima seduta del consiglio comunale proprio in località Rivioti per riaccendere i riflettori sulla problematica in questione. Cosa che adesso ha fatto con una certa energia dialettica l'eurodeputato del Partito democratico.
«La prepotenza di un paio di piccoli delinquenti - scrive Arlacchi - che fanno scorazzare il loro bestiame distruggendo diritti e cose altrui nel territorio di Cotronei - afferma Arlacchi - deve cessare. Così come deve cessare - aggiunge - il fatto che sistematicamente, da parte degli organismi preposti ad intervenire, si continuino ad ignorare le decine di petizioni, proteste e denunce di singoli cittadini e del consiglio comunale di Cotronei che si sono accumulate nel tempo».
Ma la denuncia di Arlacchi non si ferma a questo. «Si tratta di oltre un centinaio di capi di bestiame - spiega l'europarlamentare - diventati intoccabili perché proprietà di allevatori violenti, pronti a minacciare i danneggiati perché certi dell'inazione delle forze dell'ordine e dell'intero concerto istituzionale. Uno degli aspetti più rivoltanti della faccenda - prosegue Arlacchi - è costituito dal fatto che questi tre o quattro allevatori di Petilia Policastro, un comune confinante con Cotronei, ricevono contributi europei tramite l' "Agenzia per le erogazioni in agricoltura". In altri luoghi la parola fine a simili episodi è stata messa da cittadini esasperati che si sono fatti giustizia da sé. I cittadini di Cotronei però non sono cowboys». In chiusura l'annuncio di Arlacchi cui si accennava in precedenza. «Nei prossimi giorni - conclude l'eurodeputato - mi attiverò presso l'Unione europea per far intervenire d'urgenza l'Olaf, il servizio di repressione degli abusi dei fondi europei, e mi recherò dal Prefetto di Crotone, per chiedere conto dei comportamenti delle forze dell'ordine riguardo all'intera questione».(f.t.)

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 186 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info