Il mio voto contrario al "Rapporto sulla Criminalità organizzata nell'UE"

E-mail Stampa PDF

Bruxelles, 8 nov. 2011

Diversi colleghi mi hanno chiesto il perché del mio voto contrario al  Rapporto sulla Criminalità Organizzata nell'Unione Europea. Ho pensato di rispondere con una lettera nella quale esplicito le mie motivazioni.

Cari Colleghi,

Alcuni di voi mi hanno chiesto di motivare il mio voto contrario al rapporto "sulla Criminalità organizzata nell'Unione Europea” recentemente approvato in seduta Plenaria. Mi é stato chiesto anche di spiegare il motivo per il quale non sono intervenuto nel processo di stesura di questo rapporto.

La mia risposta a quest’ultima domanda é molto semplice. Nessuno mi ha informato dell’esistenza di un rapporto su questo soggetto e per questa ragione non ho potuto esprimere un parere né dare un mio contributo.

Per quanto riguarda la domanda principale, mi preme sottolineare come questo rapporto costituisca una mancata opportunità del nostro Parlamento di dare il suo contributo alla lotta alla criminalità organizzata. Il testo infatti è un coacervo di dichiarazioni retoriche e di esortazioni demagogiche basate sull’erronea assunzione che l’Europa si trovi ad uno stadio zero nella lotta alla grande criminalità.

Dato che negli ultimi 25 anni ho contribuito a creare la legislazione italiana e internazionale nella lotta al crimine organizzato come studioso, parlamentare e Vicesegretario generale delle Nazioni Unite per i temi della sicurezza umana dal 1997 al 2002, la mia opinione su questi argomenti non può essere considerata un esercizio dilettantesco.

La relatrice dimostra un’ignoranza totale circa gli strumenti legali contro la criminalità organizzata già esistenti negli stati membri dell’Unione Europea.
Nel rapporto viene chiesto a Commissione e stati membri di introdurre misure già esistenti da anni nelle legislature nazionali. Mi riferisco alle normative sulla confisca dei beni di origine illecita, ai programmi di protezione dei testimoni e ai pool investigativi antimafia.

Tali disposizioni, nonché la definizione giuridica di criminalità organizzata, sono al centro della Convenzione di Palermo sulla criminalità organizzata transnazionale, firmata nel 2000 da 123 paesi, e ratificata (ad oggi) da 147 stati, compresi tutti i membri dell’UE.

Tutti i paesi che hanno ratificato la Convenzione di Palermo, nel momento in cui l'hanno adottata, hanno iniziato a disporre di uno strumento potentissimo. Per questa ragione una qualunque azione intrapresa dal Parlamento Europeo in questo campo avrebbe dovuto prendere le mosse da un attento esame dell’effettiva implementazione di questa Convenzione nei singoli paesi membri, oltre che a livello globale, piuttosto che dare la falsa impressione che il cosiddetto “standard italiano” nella lotta alla criminalità organizzata sia rimasto un esempio isolato.

Uno sconcertante errore della relazione è l’invito alla Commissione a promuovere uno studio su un qualcosa - la definizione legale di criminalità organizzata - intorno a cui si è raggiunto un accordo ben 11 anni fa, dopo quattro decenni di discussioni tra esperti e attori multilaterali. L’articolo 2 del Trattato infatti verte proprio su questo, e viene unanimemente considerato un capolavoro di precisione e profondità. L'approccio seguito dagli stati membri per raggiungere un accordo conclusivo su un argomento così complesso, è stato preso a modello per poter raggiungere un risultato analogo nella definizione del concetto di terrorismo.

Un'altra pecca sostanziale del rapporto è la manifesta superficialità nel trattare un tema fondamentale come quello dell’espansione di uno spazio giuridico unificato dell’UE per il contrasto alla criminalità organizzata.

L’approccio sbagliato di questo documento si rivela anche nelle sole quattro righe dedicate a quello che avrebbe dovuto essere il pilastro dell'impegno del Parlamento Europeo: la creazione di un ufficio del Procuratore europeo, con giurisdizione su tutta l'Unione.

In conclusione, stiamo iniziando a spendere tempo e denaro pubblico per istituire una commissione temporanea sul crimine organizzato priva di senso di obiettivi. Con i tempi che corrono possiamo davvero permetterci una cosa del genere?

Pino Arlacchi

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 302 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info