Gare per la distribuzione del gas

E-mail Stampa PDF

26 giugno 2013

Il decreto legislativo 164/2000 e le relative norme di attuazione regolamentano in Italia il servizio della distribuzione di gas naturale. Questo servizio è affidato tramite gara ad una singola impresa, per un massimo di 12 anni, in un regime di monopolio legale territorialmente limitato. L'assegnazione delle concessioni è prevista mediante gara unica in ciascuno dei 177 ambiti territoriali minimi (ATEM).

Le disposizioni che regolano la materia sembrano essere particolarmente vessatorie per i comuni italiani e sono in palese violazione dell'ordinamento dell'UE dal momento che la possibilità per una impresa ivi stabilita di partecipare alla gara unica è fortemente limitata se non addirittura impossibile.

I comuni infatti non possono bandire la gara singolarmente né stabilire in autonomia canoni ed estensioni di rete. Essi perdono ogni potere sulla determinazione dei canoni concessori vengono scoraggiati dall'indire gare congiunte con ostacoli burocratici, procedure di gara farraginose e ingenti richieste di mezzi e garanzie finanziarie. Ciò risulta tanto più evidente se si pensa che ad oggi nessuna gara d'ambito è stata espletata e gli attuali gestori, le cui concessioni sono scadute, continuano a gestire il servizio in regime di proroga legale.

Gli operatori nel settore della distribuzione del gas sono scesi da 800 a circa 230. Si stima che ne resteranno una decina. Ulteriore riprova delle regole dell'UE sulla concorrenza è data dal fatto che le imprese ITALCOGIM — Francia e EON Germania hanno abbandonato il settore cedendo i propri asset e oggi in Italia resta solo un operatore spagnolo (GAS NATURAL).

In circa 120 dei 177 ATEM il gestore con posizione dominante è Italgas (gruppo Eni) ovvero Enel Rete Gas (gruppo F2i), operatori i cui capitali sono detenuti, tra gli altri, dalla Cassa Depositi e Prestiti ovverosia dallo Stato italiano.

Ha la Commissione europea avviato o intende avviare un'indagine conoscitiva volta a rilevare distorsioni della concorrenza nella UE nel settore della distribuzione di gas naturale e eventualmente quali misure intende prendere per evitare ulteriori violazioni del diritto dell'Unione?

Può riferire se e secondo quali modalità intende consultare le autorità governative italiane per ottenere chiarimenti sul ruolo della Cassa Depositi e Prestiti nella partecipazione al capitale delle società di distribuzione del gas naturale che mantengono in Italia una posizione dominante sul mercato del settore in parola?

E-007564-13

Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D)

Risposta

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 155 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info