Interrogazione sui fondi strutturali nell'attuale programmazione 2007-2013

E-mail Stampa PDF

17 feb. 2011

Come riportato nelle tabelle elaborate dalla Commissione nel gennaio 2011 sullo stato degli impegni/pagamenti per paese/obiettivo, i dati sull'esecuzione dei fondi strutturali al 31.12.2010 presentano un quadro segnato da gravi ritardi in diversi Stati membri. La situazione è in parte imputabile alla congiuntura economica come conseguenza della crisi, che mette molti Stati membri e autorità locali in seria difficoltà nel reperire le risorse per il cofinanziamento, necessarie a completare gli investimenti europei.

La scarsità dunque di risorse finanziarie nazionali, ostacolando il rispetto delle quote di cofinanziamento previste, potrebbe seriamente determinare il rischio di disimpegno automatico di ingenti risorse finanziarie in diversi Stati membri al 31 dicembre 2011. Tale rischio è indubbiamente maggiore negli Stati membri che non hanno escluso dal Patto di stabilità le risorse destinate al cofinanziamento dei programmi relativi ai fondi strutturali, tra i quali l'Italia.

Può la Commissione nell'attuale programmazione 2007-2013:

  1. Precisare se, al fine di fare fronte al rischio concreto di disimpegno automatico di ingenti risorse che verrebbero sottratte alle politiche per lo sviluppo, si stiano valutando misure comuni e se nell'ambito di tali misure possa prendere in considerazione l'ipotesi transitoria di innalzamento della quota di cofinanziamento comunitario per tutti gli obiettivi?
  2. Riferire in merito al monitoraggio sull'effettivo utilizzo delle risorse anticipate dalla Commissione agli Stati membri, ai sensi dell’art. 82 del regolamento del Consiglio n. 1083/2006, nonché degli impegni già assunti dalla Commissione in merito ai pagamenti intermedi aggiuntivi messi a disposizione a seguito dell’entrata in vigore dello European Recovery Plan nel 2009?
  3. Dire se, nell'ambito dei capitoli di spesa previsti per i rispettivi assi, non sia opportuno e auspicabile introdurre ulteriori strumenti di flessibilità per la modulazione degli impegni di spesa e del relativo cofinanziamento in particolar modo per il FSE e per gli investimenti prioritari per lo sviluppo e l'innovazione?
  4. Relazionare in merito ad eventuali misure adottate a livello nazionale e regionale dagli Stati membri che sono maggiormente esposti al rischio di disimpegno?

 

Interrogazione con richiesta di risposta scritta alla Commissione - Articolo 117 del regolamento
Silvia Costa (S&D), Salvatore Caronna (S&D), Francesco De Angelis (S&D), Andrea Cozzolino (S&D), Mario Pirillo (S&D), Debora Serracchiani (S&D), Roberto Gualtieri (S&D), Gianluca Susta (S&D), Gianni Pittella (S&D), Guido Milana (S&D), Francesca Balzani (S&D), Leonardo Domenici (S&D), David-Maria Sassoli (S&D), Paolo De Castro (S&D), Patrizia Toia (S&D), Rita Borsellino (S&D), Vittorio Prodi (S&D), Pier Antonio Panzeri (S&D), Luigi Berlinguer (S&D), Rosario Crocetta (S&D), Pino Arlacchi (S&D)

Risposta

[fonte: www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 117 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info