Delays in delivery of aid to Tunisia and Egypt

E-mail Stampa PDF

15 September 2011

In May 2011, the world's richest countries agreed a multibillion-dollar aid package for Tunisia and Egypt to support their transition to democracy and their economic reforms. During their summit in Deauville, the G8 members pledged to provide a combination of debt relief, aid and assistance to the two Arab countries ‘to help build their democracies’.

In the meantime the European Commission President, José Manuel Barroso, announced that on top of the EUR 5.7 billion already allocated for the period 2011-2013 from the European Neighbourhood Policy, additional funding of EUR 1.24 billion would be transferred from other existing resources in support of the ENP. In addition to that, the European Council agreed to High Representative Ashton's proposal to increase EIB (European Investment Bank) lending to the Southern Mediterranean by EUR 1 billion over the same period.

According to recent declarations by the finance ministers of Tunisia and Egypt, the two countries so far have received only a fraction of the USD 40 billion package promised by the international community. It is imperative to underline that any delay in the disbursement of international assistance could complicate fragile transitions under way following the Arab Spring, particularly in Tunisia where the government needs to create jobs for young graduates who rose against the former regime.

1. Given the urgency of the situation and the need to support the democratic ambitions in these countries, could the Commission explain the reasons for the delays in delivery of the funds allocated?

2. What measures does the Commission intend to adopt to ensure faster delivery of these funds?

Question for written answer
to the Commission
Rule 117
Pino Arlacchi (S&D) , Vasilica Viorica Dăncilă (S&D) , Gabriele Albertini (PPE) , Bendt Bendtsen (PPE) , Ioan Mircea Paşcu (S&D) , Giommaria Uggias (ALDE) , Santiago Fisas Ayxela (PPE) , Vincent Peillon (S&D) , Silvia Costa (S&D) , Guido Milana (S&D) , Emilie Turunen (Verts/ALE) , Rui Tavares (Verts/ALE) , Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE) , Kriton Arsenis (S&D) , Franziska Katharina Brantner (Verts/ALE) , Alexandra Thein (ALDE) , Mariya Nedelcheva (PPE) , Katarína Neveďalová (S&D) , Amalia Sartori (PPE) , Simon Busuttil (PPE) , Ana Gomes (S&D) , Marielle De Sarnez (ALDE) , Liisa Jaakonsaari (S&D) , Francesco De Angelis (S&D) , Marietta Giannakou (PPE) , Harlem Désir (S&D) , Robert Rochefort (ALDE) , Kyriakos Mavronikolas (S&D) , Vincenzo Iovine (ALDE) , Antonio Cancian (PPE) and Filip Kaczmarek (PPE)

E-008499/2011

Answer

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 163 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info