VP/HR - USD 53 million sale of arms from the US to Bahrain

E-mail Stampa PDF

24 October 2011

More than a dozen US and European human rights and arms control groups are urging the US Congress to block a proposed USD 53 million arms sale to Bahrain, mostly armoured Humvees, which could conceivably be used by the kingdom’s security forces against protestors.
This sale is the first proposed by the US Government since the Government of Bahrain cracked down last February on hundreds of thousands of people peacefully demanding greater political freedom . Since that time, Bahraini security forces have continued to brutally suppress protests and undertaken a relentless programme of retribution. In mid-March the Government declared a ‘state of national safety’ which put the Bahraini Defence Force (BDF), the recipient of the proposed arm delivery, in charge of suppressing the largely peaceful protest.

In the fierce crackdown that has followed, more than 40 people have been killed by security forces and more than 1 600 people have been arrested. Authorities then initiated a large-scale campaign of retribution against anyone supporting or participating in protests, including human rights activists, journalists and medical professionals.
In the face of this reality, the US Department of Defence press release on this sale justifies it by referring to the Government of Bahrain as ‘an important force for political stability and economic progress in the Middle East’.
1. Is the Vice-President of the Commission/High Representative of the Union for Foreign Affairs aware of these facts, which run contrary to the US and European laws forbidding the transfer of any military equipment to military or security units which are credibly reported to have committed human rights abuses?
2. Does the Vice-President of the Commission/High Representative of the Union for Foreign Affairs have any information about recent or projected European arms sales to Bahrain?
3. Is the Vice-President of the Commission/High Representative of the Union for Foreign Affairs worried about the fact that people across the Middle East will not take Western statements about democracy and human rights in the region seriously when, rather than hold its ally Bahrain to account, it appears to reward repression with additional weapons?

Question for written answer
to the Commission
Rule 117
Pino Arlacchi (S&D), Dimitar Stoyanov (NI), Michail Tremopoulos (Verts/ALE), Robert Rochefort (ALDE), Wolfgang Kreissl-Dörfler (S&D), Frieda Brepoels (Verts/ALE), Boris Zala (S&D), Liisa Jaakonsaari (S&D), Ivo Vajgl (ALDE), Mariya Nedelcheva (PPE), Sabine Lösing (GUE/NGL), Pavel Poc (S&D), Roberto Gualtieri (S&D), Kyriakos Mavronikolas (S&D), Keith Taylor (Verts/ALE), Nikolaos Chountis (GUE/NGL), Guido Milana (S&D), Ana Gomes (S&D)

E-009999/2011

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 610 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info