Indagini EULEX sulla gestione delle risorse finanziarie da parte dell'UNMIK

E-mail Stampa PDF

28 giu. 2012

Tra il 1999 e il 2008 l'UE ha versato alla missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK) aiuti record — più di due miliardi di euro — per la ripresa postbellica e l'opera di costruzione dello Stato. La mancanza di risultati tangibili ha portato all'apertura di un'indagine condotta da una task force composta dall'Ufficio dei servizi di controllo interno dell'ONU, dall'Unità investigazioni finanziarie (insieme a funzionari della Guardia di Finanza) e dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF).

La task force ha scoperto che la vaga architettura giuridica istituita in Kosovo dall'UE e dall'UNMIK si era tradotta in una mancanza di trasparenza quanto al modo in cui erano spesi i fondi dei donatori. In effetti, tra il 2003 e il 2008 la stessa task force ha coordinato 50 inchieste sulla gestione dei flussi di denaro da parte dell'UNMIK, delle quali la maggior parte si è conclusa con un nulla di fatto. La task force ha infine individuato 11 casi con rilevanza penale accertata per una somma di oltre 60 milioni di EUR, che sono stati presentati al capo dell'UNMIK perché fossero poi deferiti al relativo dipartimento di giustizia.

Tuttavia, sulla scia della dichiarazione di indipendenza del Kosovo del 2008, il dipartimento di giustizia dell'UNMIK è stato molto rapidamente chiuso e tutti i casi sensibili riguardanti abusi e malversazioni commessi da personale internazionale e locale delle Nazioni Unite non sono arrivati in giudizio. Secondo gli accordi tra l'ONU e l'UE relativi al passaggio da UNMIK a EULEX, gli 11 casi sono stati trasferiti da UNMIK alla magistratura locale in Kosovo ma, stando a fonti locali, EULEX non ha mai dichiarato ufficialmente se abbia o meno richiesto i fascicoli ai giudici locali o se siano in corso le indagini che UNMIK aveva lasciato dietro di sé.

1. È la Commissione a conoscenza di questi 11 fascicoli?

2. Sa la Commissione se EULEX sta svolgendo le indagini in questione?

3. Potrebbe la Commissione sollecitare l'OLAF a pubblicare il contenuto degli 11 fascicoli? La loro divulgazione è nel pubblico interesse, dato che i contribuenti hanno il diritto di sapere come viene speso il denaro dell'UE.

E-006496/2012

Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D)

Risposta

[source:www.europarl.europa.eu]

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...

I Padroni della Finanza Mondiale

I Padroni della Finanza Mondiale (copertina)
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Hong Kong, la storia che non leggerete

Hong Kong, la storia che non leggerete di Pino Arlacchi | 18 luglio 2019   Non riportare mai la versione dell’altra parte in...

Articoli | 18 Lug 2019

Ex Vice Segretario ONU sul Rapporto Bachelet: "Molti dati sono inventati o grossolanamente esagerati

Di seguito il mio commento per L'Antidiplomatico riguardo alle grossolane esagerazioni e falsità contenute nel Rapporto dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per...

Articoli | 15 Lug 2019

La povertà in Inghilterra e in Venezuela

La povertà in Inghilterra e in Venezuela Roma, 15 luglio 2019   Mi sto occupando in questi giorni del problema della povertà in...

Articoli | 15 Lug 2019

Anche la Merkel molla Guaidò

La notizia della normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra #Venezuela e Germania, e le sue rilevanti implicazioni politiche, è stata ignorata dai media...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump e l'Iran, le prossime mosse

Su L'Antidiplomatico continua la mia analisi sui rapporti Usa-Iran. (https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi__trump_e_liran_le_prossime_mosse/82_29134/?fbclid=IwAR0AwpEn5ufDl53QI5Kz8XuiHJtRMEe9yDgTUDmjYAEoZjB8XF_M6Oa1jIE)   Trump e l'Iran, le prossime mosse di Pino Arlacchi | 25 giugno 2019   Senza saperlo (dati...

Articoli | 14 Lug 2019

Perché non ci sarà la guerra all'Iran

Su Il Fatto Quotidiano di oggi una mia riflessione sul perché - nonostante le continue minacce da parte degli Stati Uniti -...

Articoli | 14 Lug 2019

Trump, il bullo che si vede padrino

Con questa riflessione su Trump e la criminalità organizzata riprendo la mia attività dopo una breve interruzione dovuta a un...

Articoli | 14 Lug 2019

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro

Il doppio bluff di Juan Guaidò nella partita tra Usa e Maduro di Pino Arlacchi | 3 maggio 2019 https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/03/il-doppio-bluff-di-juan-guaido-nella-partita-tra-usa-e-maduro/5150545/?fbclid=IwAR3Isi3sL0jOi9DsinQx-MRRJTsUTl1f5OqJZkxjvPm5GEDxrNHelBjgoiY   Siamo tutti Guaidó....

Articoli | 14 Lug 2019

Arlacchi: "Caracas è una città tranquilla, Maduro è più forte"

Questo è il mio contributo - pubblicato questa mattina su Il Fatto Quotidiano - contro la valanga di disinformazione che i media...

Articoli | 14 Lug 2019

LIBIA: L’INTERVENTO NATO CHE BOMBARDÒ LA RAGIONE

Su “Il Fatto” di oggi ho pubblicato la seguente analisi sulle origini della crisi libica che tenta di fornire una...

Articoli | 14 Lug 2019

Newsletter


Chi è Online

 271 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info