VP/HR — Embargo sulle armi in Siria

E-mail Stampa PDF

30 mag. 2013

La decisione del Consiglio europeo di porre fine all'embargo sulle armi nei confronti delle forze di opposizione siriane potrebbe avere conseguenze devastanti. Non esistono soluzioni semplici per fermare lo spargimento di sangue in Siria, ma di certo non lo è l'invio di ulteriori armi e munizioni. Il trasferimento di una maggiore quantità di armi in Siria non può far altro che aumentare il numero di morti fra i civili.

Nel febbraio 2012 la commissione di inchiesta delle Nazioni Unite sulla Siria ha riferito che i ribelli avevano commesso «crimini di guerra, compresi omicidi, esecuzioni extragiudiziali e torture»(1).

La risoluzione 2083 (2012) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite afferma che tutti gli Stati devono adottare misure per impedire la fornitura diretta o indiretta di armi e di relativi materiali ad Al-Qaeda e ad altri individui ed entità ad essa associati. Uno dei gruppi armati più potenti, Jabhat al-Nusra, è legato ad Al-Qaeda in Iraq.

Nell'aprile 2013 l'Assemblea generale dell'ONU ha adottato il trattato sul commercio di armi, che vieta agli Stati di esportare armi convenzionali che potrebbero essere utilizzate per atti di genocidio, crimini contro l'umanità, crimini di guerra o terrorismo.

Inoltre, la posizione comune dell'UE afferma che gli Stati membri devono respingere le domande di licenza d'esportazione qualora sussista il rischio evidente che l'attrezzatura possa essere utilizzata per commettere violazioni del diritto umanitario internazionale o dei diritti umani.
Alla luce di quanto sopra:
1. Può il Vicepresidente/Alto Rappresentante chiarire come è possibile che durante la riunione del Consiglio sulla Siria sia stata infine adottata la posizione minoritaria del Regno Unito e della Francia, che contraddice l'ultima risoluzione del Parlamento sulla Siria?
2. Non ritiene il Vicepresidente/Alto Rappresentante che tale decisione porterà a un peggioramento della situazione della popolazione civile e a forti reazioni da parte dei sostenitori di Assad, come già dimostrato dalla reazione della Russia?

(1) Si veda http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=42687.

E-006137-13

Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione (Vicepresidente/Alto Rappresentante)
Articolo 117 del regolamento
Pino Arlacchi (S&D)

Risposta

[source:www.europarl.europa.eu]

 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 319 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info