Una Nuova Strategia per l'Afghanistan

E-mail Stampa PDF

Il 12 giugno scorso a Strasburgo, i deputati hanno interrogato l'Alto rappresentante agli Affari esteri Catherine Ashton sui risultati della nuova Strategia dell'UE in Afghanistan. Pubblico per i lettori del sito, il mio intervento nel corso della discussione.

Debate

Pino Arlacchi, a nome del gruppo S&D. – Signor Presidente, ho ascoltato attentamente la dichiarazione della Signora Ashton e non sono soddisfatto.
Signora Ashton, lei si è espressa al riguardo della Relazione sulla nuova strategia dell'UE per l'Afghanistan come se fosse stata redatta un paio di settimane fa. Stiamo parlando di un rapporto che è stato approvato dal Parlamento nel dicembre del 2010, perciò avrei preferito sentirla parlare di come esso sia stato implementato in quest’ultimo anno e mezzo.

Ha ampiamente discusso di cose che è necessario fare in Afghanistan, alcune di esse assolutamente giuste e ragionevoli, ma non ha parlato dei due maggiori problemi presenti nel mio rapporto: innanzitutto del processo di pace che rappresenta un punto cruciale per il futuro del paese, specie in questo momento di transizione.

Il secondo problema è quello relativo alle droghe: l’unico riferimento che lei ha fatto al riguardo è stato quando ha affermato che la coltivazione del grano non può risolvere da sola il problema. Certamente, nessuno avrebbe potuto dissentire da questa affermazione. Il rapporto conteneva una richiesta molto dettagliata per un piano quinquennale finalizzato all'eliminazione delle colture di oppio  attraverso uno sviluppo alternativo. Questo piano non è mai stato attuato; era urgente due anni fa e lo è ancora di più adesso che la produzione di oppio continua ad aumentare.

Avevamo anche costruito una collaborazione con la Federazione Russa - la maggiore vittima, assieme all’Europa, dell’oppio afghano – e sviluppato idee e programmi. La Russia era pronta a finanziare, co-finanziare assieme all’Europa, un piano per eliminare la produzione di oppio. Alla fine non è stato fatto nulla, non abbiamo mai ricevuto dal suo ufficio alcuna risposta a questa proposta.

Queste sono le ragioni per cui non sono soddisfatto.

[source:www.europarl.europa.eu]

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 150 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info