L'esempio dell'Unione Europea contagia l'Asia

E-mail Stampa PDF

L’ESEMPIO EUROPEO CONTAGIA L’ ESTREMO ORIENTE. ECCO LA POTENZA DELLA PACE

di Pino Arlacchi

E’ una di quelle notizie che possono facilmente passare inosservate. Soprattutto quando è il catastrofismo ad essere la pietra di paragone della rilevanza di un evento. Ma per chi crede nella forza della pace e della distensione è una notizia significativa. I leader della Cina e del Giappone hanno iniziato dei colloqui, oggi, sabato 24 ottobre, con 14 leader delle loro controparti asiatiche per discutere la possibilità di creare un “blocco” regionale simile a quello dell’ Unione europea.

Tra queste controparti, ci sono i leader dell’ ASEAN, la comunità di 10 stati dell’ Asia sudorientale con 570 milioni di abitanti che hanno già deciso di diventare qualcosa di simile all’ EU entro il 2015.

Il nuovo governo giapponese vuole promuovere una comunità di paesi dell’ Estremo Oriente ispirato dall’ esempio europeo, e che in campo economico arrivi ad includere, oltre i membri dell’ ASEAN, l’ India, l’ Australia e la Nuova Zelanda. In gioco c’è la nascita di un formidabile blocco, capace di contare per il 25% del PIL mondiale, e di competere con il G20 per forza complessiva.

Non è chiaro quale sia il ruolo degli USA in questo progetto, ma è evidente che sarà la Cina a guidarlo  - nonostante la sua diffidenza iniziale verso l’ idea.  In ogni caso, la notizia è una smentita ulteriore dei profeti di sventura, dei “wishfull thinkers” come Bill Emmott, che vedono guerre e conflitti prossimi venturi tra India, Cina e altri paesi asiatici. Il libro di Emmott, tradotto immeritatamente in varie lingue, e anche in italiano con il titolo evocativo di “Asia contro Asia”, verrà ricordato come uno degli esempi più rilevanti di profetismo alla rovescia (prevedere eventi che si realizzeranno, ma all’ opposto di quanto pronosticato).

Non voglio apparire presuntuoso, ma lo stesso evento – la nascita di una Unione asiatica sul modello dell’ Unione europea – può essere compreso ed illuminato molto meglio dalla prospettiva del mio studio sull’ “Inganno e la paura”, scritto un anno fa e basato sull’ idea che anche la pace è forte. Anzi fortissima, ed aiuta a capire meglio i fatti del mondo attuale.

Pino Arlacchi

 

24 ottobre 2009

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 257 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info