Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Afghanistan: il voto e il dramma

E-mail Stampa PDF

Famigliacristiana.it, 18 set. 2010

di Fulvio Scaglione

Oggi si vota per il Parlamento, ieri è morto il trentesimo soldato italiano. La realtà nel Rapporto Arlacchi al Parlamento Europeo: le cose a Kabul vanno sempre peggio.
Dopo la morte del tenente Alessandro Romani, trentesimo soldato italiano caduto in Afghanistan, c’è qualcosa di involontariamente sadico nel seguire queste elezioni politiche (oggi 2.500 candidati, tra i quali più di 400 donne, si contendono i 249 seggi della Wolesi Jirga, la Camera Alta del Parlamento), come se fossero elezioni vere, elezioni qualunque. Mentre tutto sono tranne che questo. All’ombra dell’intervento militare internazionale, che dura ormai da 9 anni, e dei maneggi della famiglia Karzai (il presidente, Hamid, si costruisce ville negli Emirati, suo fratello Ahmed Wali traffica con l’oppio e si fa pagare dalla Cia), la situazione marcisce di giorno in giorno. Per rendersene conto, con la brutalità delle cifre, basta leggere il Rapporto che Pino Arlacchi, sociologo, ex vice segretario generale dell’Onu e rapporteur sull’Afghanistan presso la Commissione Affari Esteri del Parlamento Europeo, ha preparato nei giorni scorsi.

 

Quattro i punti chiave: l’aiuto internazionale; le implicazioni del processo di pace; l’impatto della formazione delle forze di polizia; l’eliminazione della coltivazione dell’oppio.

L’AIUTO INTERNAZIONALE: nel periodo 2002-2010 l’Unione Europea (Comunità più Stati membri) ha destinato all’Afghanistan 8 miliardi di euro. Abbiamo fatto un buon lavoro? Non si direbbe: dal 2002 la mortalità infantile in Afghanistan è aumentata; dal 2004 la quota di popolazione afghana sotto la soglia di povertà è cresciuta del 130%. A questo punto il Rapporto Arlacchi riserva però una sorpresa. Ci siamo ormai abituati a pensare che le inefficienze e la corruzione del Governo afghano siano parte decisiva nella mancanza di risultati. Invece, solo una piccola parte degli aiuti è passata per i palazzi del potere di Kabul (6 miliardi di dollari sui 40 versati dagli Usa, per esempio), mentre la gran parte è stata gestita dalle organizzazioni internazionali. Il consiglio, quindi, è di convogliare di più gli aiuti verso le istituzioni afghane, istituendo però dei meccanismi di monitoraggio “concordati sia dai donatori che dal Governo afghano”.

IL PROCESSO DI PACE: l’Unione Europea deve continuare a sostenerlo, sapendo però di aver partecipato a un grossolano errore iniziale di calcolo (la convinzione di una “guerra lampo”) e di avere di fronte un nemico tenace e quasi inconoscibile. Arlacchi ricorda che tra i talebani si contano “33 leader, 820 capi di livello medio, 25-36 mila soldati semplici ripartiti fra 220 comunità”. Per il suo impegno, però, la Ue deve chiedere al Governo afghano tre precisi impegni: bandire Al Qaeda dal Paese, eliminare la coltivazione del papavero da oppio, rispettare i diritti umani fondamentali.

LA FORMAZIONE DELLE FORZE DI POLIZIA: ogni anno cadono sul campo circa mille poliziotti afghani. Un prezzo enorme per una forza che è ancora in corso di formazione e che oggi conta 94 mila uomini, rispetto ai 160 mila che dovrebbe contare entro i prossimi cinque anni. Ordine e sicurezza, due pilastri della fiducia popolare da conquistare e consolidare, viaggiano appaiati a ricostruzione e sviluppo. Un binomio che, in questo campo, è messo in crisi dall’intervento delle agenzie private a cui, in molti casi, è stata affidata la formazione dei nuovi poliziotti. Il Rapporto Arlacchi sottolinea che il 90% dei poliziotti è analfabeta e il 20% tossicodipendente (fonti Isaf): su un vivaio così complicato meglio far lavorare i funzionari e i militari di Nato ed Eupol e limitare al massimo il ruolo delle milizie private.

L’OPPIO: citando anche un recente studio dell’Unodc (l’Agenzia Onu per lotta al narcotraffico e al crimine organizzato), il Rapporto ci sbatte sotto gli occhi una realtà di cui dovremmo prendere coscienza: solo il 4% del commercio di stupefacenti dall’Afghanistan può essere attribuito ai talebani, e il 21% agli agricoltori locali. Il resto, cioè il 75% del giro d’affari del Paese che produce il 90% dell’oppio mondiale, è opera di “funzionari governativi, polizia, mediatori locali e regionali nonché trafficanti”. Insomma, per ripulire l’Afghanistan dall’oppio dovremmo prima spazzare in casa nostra. E poi giocare la carta delle colture alternative (per esempio lo zafferano, che rende anche più del papavero), con un piano quinquennale di diffusione da finanziare con 100 milioni di euro l’anno. Tanti soldi? No, una “mancia” rispetto ai quasi 2 miliardi di dollari spesi finora da Usa e UE per combattere, senza alcun successo, la coltivazione del papavero.

Come si vede, l’analisi di Pino Arlacchi presuppone un coordinamento leale ed efficace tra i Paesi donatori e, soprattutto, tra le due grosse entità attive in Afghanistan: gli Usa e l’Unione Europea. Gli anni ci hanno ormai abituati a considerare tutto questo una specie di libro dei sogni. Ma non c’è alternativa: o lo sforzo si fa congiunto e mirato o continueremo a organizzare elezioni come quella di domani, destinate a sollevare speranze che non verranno esaudite.
 

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 488 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info