Per uscire dalla guerra Bruxelles ha un “piano b”

E-mail Stampa PDF

Terra, 18 dicembre 2010

di Annalena Di Giovanni

AFGHANISTAN. L’Europarlamento vota a favore della mozione dell’italiano Arlacchi. L’Ue deve aiutare gli afgani a rimettere in piedi l’economia con un’agricoltura alternativa all’oppio.

Ricominciare dalla diplomazia: è la nuova svolta afgana decisa mercoledì dal parlamento europeo a Strasburgo, poche ore prima che a Washington il presidente amerciano Barack Obama cominciasse a tirare le somme della strategia del Pentagono. E mentre Obama cercava di tracciare un bilancio positivo sull’invio di 30mila ulteriori soldati per la Missione AfPak, mettendo in risalto i risultati militari in seguito alle operazioni nella roccaforte talebana di Kandahar piuttosto che l’esplosiva emergenza che si sta creando onltre confine in Pakistan, dove centinaia di migliaia di civili e guerriglieri si stanno ammassando, l’Europa ha votato per un cambio di direzione e, possibilmente, una dipartita dalla strategia tutta militare perseguita da Washington, approvando con una cospicua maggioranza la mozione dell’europarlamentare Pino Arlacchi dal titolo “Una Nuova Strategia per l’Afghanistan” stilata dall’eurodeputato del Pd e esperto di relazioni internazionali che, dopo aver redatto una serie di raccomandazioni sulla situazione dell’AF-Pak già dal luglio 2010, lo scorso novembre l’aveva proposto in Commissione Esteri ottenendone unanime appoggio.

 

«Le condizioni di vita e di sicurezza si sono deteriorate, - si legge nelle premesse della mozione Arlacchi - erodendo il consenso popolare di cui godeva a un certo punto la presenza della coalizione, e la coalizione (le forze Nato e USA, ndr) è sempre più percepita dalla popolazione come forza di occupazione; è necessario un nuovo, più ampio partenariato con il popolo afghano, che coinvolga i gruppi non rappresentati e la società civile negli sforzi di pace e di riconciliazione». Da qui l’auspicio europeo di concentrarsi su quattro aree principali «nel cui ambito l’impegno profuso potrebbe tradursi in miglioramenti: aiuto e coordinamento internazionali, implicazioni del processo di pace, impatto della formazione delle forze di polizia ed eliminazione della coltivazione dell’oppio mediante il ricorso a uno sviluppo alternativo».

L’80 per cento della popolazione vive nelle aree rurali e che la superficie coltivabile procapite è diminuita passando dagli 0,55 ettari del 1980 agli 0,25 ettari del 2007, l’Afghanistan resta particolarmente esposto a condizioni climatiche sfavorevoli e agli aumenti dei prezzi delle derrate alimentari sul mercato mondiale, e l’utilizzo diffuso e indiscriminato delle mine terrestri rappresenta un rischio significativo per il buon esito dello sviluppo rurale; un quadro disastrato che per gli eurodeputati chiede anzitutto un piano di sviluppo di infrastrutture, rafforzamento delle istituzioni statali, e intervento sul territorio. «Macché guerra, è la povertà a fare morti in Afghanistan», aveva dichiarato l’onorevole Arlacchi ai tempi della prima approvazione in commissione esteri della sua mozione.

C’è ottimismo adesso per la “dottrina Lula” proposta dall’eurodeputato; potrebbe essere la strategia di uscita a lungo termine da un Paese che, in dieci anni di occupazione occidentale e trent’anni di guerra, è passato da essere la polveriera dell’Asia Centrale all’essere un vero e proprio «triangolo delle Bermuda» che destabilizza i paesi vicini. A cominciare dal Pakistan che, oltre a cercare di districarsi in una difficile transizione da regime militare a semi-democrazia, oltre ad essere dotata dell’atomica ed essere in una situazione di conflitto “freddo” con la vicina India, da qualche anno deve far fronte ai disordini provocati dalla migrazione di jihadisti e talebani dal confine afghano.

E dal confine non arrivano soltanto guerriglieri: arrivano anche migliaia di famiglie affamate e – soprattutto – droni americani che bombardano il Waziristan senza il consenso del governo di Islamabad. Solo nella mattina di ieri avrebbero provocato 33 morti nelle aree tribali pakistane. Per l’Europa è giunto il momento di indicare la via maestra per l’uscita dall’Afghanistan? È presto per dirlo. Per ora, l’europarlamento ha fatto la propria scelta. Resta da vedere se la commissione, composta dai singoli governi e in grado di determinare veramente la rotta della politica estera del Vecchio Continente, vorrà fare lo stesso.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

I luoghi comuni sui migranti

 La Repubblica, 31 agosto 2017 Lettera al Direttore CARO direttore, mi permetto di dissentire dalle critiche alla sinistra italiana avanzate martedì dal...

Articoli | 06 Set 2017

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 490 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info