Home ¬Ľ Rassegna Stampa ¬Ľ Articoli ¬Ľ

Intoccabili Stati Uniti. Quando il diritto cede di fronte al potere

E-mail Stampa PDF

l'Unità, 22 dic. 2010

Il dossier, di Pino Arlacchi

La Corte di Cassazione italiana ha chiuso il caso Calipari invocando un “difetto di giurisdizione”. Il soldato americano che ha ucciso il dirigente del SISMI in Iraq era coperto, secondo la Corte, da immunita’ diplomatica. La verità  è che l’unico difetto di giurisdizione in questo caso è stato quello dello Repubblica italiana nel suo complesso di fronte all’ Impero americano e alla sua pretesa di giurisdizione universale.

Il cable di Wikileaks ha messo a nudo una vecchia storia, che è oggi diventata intollerabile: il nostro servilismo, il nostro essere sudditi di un governo mondiale a stelle e strisce che ha preteso di dominare il mondo secondo le sue leggi, i suoi tribunali e le sue carceri nel più completo disprezzo di quelle altrui. Anche di quelle dei paesi democratici, amici ed alleati.
Leggi scritte ed anche non scritte. Ma ferree, indiscutibili. Come quella che non si arresta né processa un soldato americano al di fuori degli Stati Uniti. Anche se ha commesso crimini efferati, flagranti, che dovrebbero essere perseguiti nel luogo in cui sono stati commessi o nel paese della vittima. Come nel caso Calipari e in decine di altri casi, dall’ Europa all’ Asia.
Che si tratti di una bravata di avieri esaltati che buttano giù una funivia come nel caso Cermis in Italia, costato la vita di 20 persone, o di una serie di stupri in Giappone o nelle Filippine eseguiti da militari di stanza nelle locali basi, o di veri e propri crimini di guerra, l’ impunità di fronte alle leggi non-americane del personale dislocato all’ estero è la regola osservata con scrupolo da dirigenti statali USA di ogni ordine e grado. I sospetti colpevoli vengono sottratti alla giustizia locale, portati negli USA, processati e poi assolti o premiati con condanne burla che suscitano indignazione e sdegno nei paesi colpiti.
Fratello gemello della prima regola è il diritto autoassegnatosi dagli Stati Uniti di funzionare come una polizia globale che interviene in qualunque parte dell’ Impero arrestando, sequestrando, incarcerando e perfino uccidendo senza processo chiunque venga etichettato come un pericolo per la sicurezza nazionale americana. La CIA, la polizia segreta agli ordini del Presidente USA, è stata creata per questo, e da più di mezzo secolo interviene all’estero senza curarsi della sovranità e delle leggi degli stati vassalli.
Abu Graib in Irak, Guantanamo a Cuba, e le prigioni segrete nell’ Europa dell’ Est per i presunti terroristi catturati di qua e di là dagli agenti USA dopo l’ 11 settembre, sono parte di un sistema giudiziario sovranazionale che nessuno ha autorizzato palesemente, ma che molti governi sottomessi hanno tollerato e coperto.
È questa la ragione per cui i servizi di sicurezza degli alleati europei sono stati sempre trattati come delle succursali locali dell’ intelligence americano, e non sono stati pochi i casi in cui questi servizi – ed i loro governi- hanno dovuto fare il lavoro sporco contro il loro stesso paese. Inchinandosi alle “ragioni superiori” dell’ Impero, ed usando il segreto di stato per nascondere malefatte imposte da oltreatlantico.
Solo in due casi l’Italia si è ribellata a queste norme non scritte del governo mondiale USA. Il primo è l’ incidente di Sigonella del 1985, quando Craxi si rifiutò di consegnare alle forze speciali americane i terroristi che avevano sequestrato una nave italiana, l’Achille Lauro, e che erano a bordo di un aereo obbligato ad atterrare presso la base militare di Sigonella. Infuriato per l’atto di insubordinazione, Reagan telefonò a Craxi per chiedere la consegna dei terroristi . Craxi non si mosse dalle sue posizioni: i reati erano avvenuti in territorio italiano, e sarebbe stata l’ Italia a decidere se e chi estradare. Si arrivò molto vicini allo scontro armato tra Carabinieri e Delta Force, ma fu Reagan infine a capitolare.
Il secondo episodio è il recente processo e la condanna in Italia, ma in contumacia, di 24 agenti CIA che hanno rapito un presunto terrorista islamico nel centro di Milano per inviarlo a un centro di tortura in Egitto. Gli agenti hanno agito come se fossero a casa loro, coadiuvati da una gruppo di personaggi SISMI che sono riusciti a farla franca solo perché coperti dalla solita vergogna del segreto di stato. Fa onore alla magistratura italiana di essere stata in questo episodio l’unica istituzione che ha saputo difendere la dignità dell’Italia.
Gli Stati Uniti, anche quelli di Obama, non si rendono conto che l’Impero è al tramonto. La sua legittimità non viene più riconosciuta perché è venuto a mancare, ormai dal lontano 1989, il grande nemico che giustificava il servizio di protezione offerto al resto dell’Occidente. Nessuno stato pensa che sia necessario cedere la propria sovranità perché soltanto gli USA sono in grado di difenderci dal terrorismo . E crescono le preoccupazioni per l’incapacità del governo americano di finirla di usare la violenza fisica all’estero e in spregio alla legalità democratica.
Ed è qui che Obama sta molto deludendo.
È stato proprio lui a ripristinare di recente uno dei simboli più odiosi della delinquenza imperiale: l’ ordine scritto del Presidente di uccidere un individuo senza processo perché pericoloso per la sicurezza nazionale americana. In passato questo ordine veniva a colpire cittadini stranieri, adesso è stato emesso contro un cittadino americano sospettato di atti di terrorismo. Nessun paese occidentale riconosce una simile prerogativa, che viola i diritti umani e lo stato di diritto in nome di una concezione tirannica dell’ Impero.

 
ItalianEnglish

Mi Presento

Benvenuti nel mio sito. Qui potete farvi un’idea di chi sono, e trovare notizie e documenti sulle mie opere e sui miei giorni.

Pino ArlacchiNon sono una persona complicata. La mia vita pubblica ruota intorno a due cose: il tentativo di capire ciò che mi circonda, da sociologo, e il tentativo di costruire un mondo più decente, da intellettuale e militante politico.

Leggi tutto...
Libri in pdf

Agenda

 


 

 


Facebook

Ultimi Tweet

Segui Pino Arlacchi su YouTube

In Evidenza

Prev Next

Nessuno vuole morire per Kiev. Ed è giusto.

Panorama, 23 feb. 2015 Nella crisi ucraina c'è chi cerca un nemico a tutti i costi, in un delirio antirusso. Ma...

Articoli | 19 Feb 2015

Non armare l'Ucraina

Roma, 9 feb. 2015 di Pino Arlacchi La crisi ucraina è iniziata un anno fa, ed è evidente che la Russia sta...

Articoli | 09 Feb 2015

Tsipras, Arlacchi: "Il mondo sta con lui. Ecco le ragioni politiche, etiche ed economiche"

Roma, 7 feb. 2015 di Pino Arlacchi Uno schieramento larghissimo, che va dai premi Nobel ai maggiori economisti, di destra e di...

Articoli | 08 Feb 2015

Il teatrino incivile dell'informazione italiana

Roma, 30 gen. 2015 di Pino Arlacchi La qualità dell'informazione italiana ha seguito la stessa traiettoria del declino del PIL. Con la...

Articoli | 31 Gen 2015

Draghi, Arlacchi: "Il bazooka dovrebbe finanziare piano di investimenti e non le banche"

Roma, 28 gen. 2015 di Pino Arlacchi Non credo che le misure appena adottate dalla BCE avranno gli stessi effetti del Quantitative...

Articoli | 28 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: " Se Syriza vincerà le elezioni la sua vittoria sarà di grande aiuto"

Il successo di Syriza ci aiuterà a creare un'Europa più vicina al cuore dei suoi cittadini.  Roma, 21 gen. 2015 di...

Articoli | 25 Gen 2015

Terrorismo: qualche cifra scomoda

Dei 2.682 attentati avvenuti nell’Unione europea tra il 2006 e il 2013 solo 16 (lo 0,6 per cento) è di...

Articoli | 22 Gen 2015

Terrorismo e disinformazione: lutti selettivi

Il 95% delle vittime del terrorismo sono musulmani, ma noi piangiamo solo quelle di casa nostra. di Pino Arlacchi, 13...

Articoli | 13 Gen 2015

Arlacchi:"Non facciamo il gioco dei terroristi. Islam e Occidente non c'entrano nulla"

Roma, 8 gen 2015 di Pino Arlacchi In campo non ci solo i terroristi che dicono di uccidere in nome dell'Islam e...

Articoli | 08 Gen 2015

Grecia, Arlacchi: "La proposta Tsipras sul taglio del debito non è irrealistica"

Roma, 5 gen. 2015 La proposta Tsipras sul taglio del debito greco non è irrealistica né populistica: è invece l'unica di...

Articoli | 06 Gen 2015

Newsletter


Chi è Online

 340 visitatori online

Questo sito utilizza cookie; accedendo o cliccando su "Accetto" acconsenti a scaricare sul tuo browser tutte le tipologie di cookie presenti in questo sito..

Accetto cookie da questo sito.

Info